Me
Milano-Limbiate: l’ultima tranvia interurbana
Condividi su:

Milano-Limbiate: l’ultima tranvia interurbana

La linea Limbiate-Milano è nata nel 1882 come tranvia a trazione equina ed è oggi una delle più antiche della rete meneghina: un fotografo l'ha voluta raccontare

29 Apr. 2016

La linea tranviaria interurbana Limbiate-Milano è nata nel
1882 come tranvia a trazione equina, e all’epoca collegava Milano, presso Porta
Volta, ad Affori, allora comune autonomo.

Dal 1939 è gestita dall’ATM di Milano, che la identifica
come linea 179, ed è oggi una delle più antiche della rete interurbana della
città lombarda, vista la chiusura nel 2011 di quella che collega Milano a Desio.

Il “trenino” di Limbiate costituisce un importante
patrimonio per la storia dello sviluppo dei trasporti della Provincia di Milano
e del comune di Limbiate: le storiche carrozze della linea sono oggi veri
pezzi da museo, ma all´epoca erano quanto di più moderno e avanzato potesse
offrire l´industria dei trasporti.

Delle interurbane costruite negli ultimi tre decenni
dell’Ottocento e nei primi due decenni del Novecento, rimangono in funzione
solo la Milano-Limbiate e la Trieste-Opicina.

La linea ha rischiato la chiusura diverse volte a causa
della scarsa manutenzione effettuata da ATM, che ne comprometteva la sicurezza,
ma le proteste degli utenti hanno spinto ATM a un rimodernamento della linea ed
oggi, ogni giorno, la linea serve circa 7mila viaggiatori che dalla periferia
si spostano verso il centro di Milano.

Il fotografo Andrea Timpanaro ha voluto raccontare con le
sue immagini in bianco e nero queste persone e questo oggetto fuori dal tempo,
che tuttora rappresenta una parte importante del patrimonio storico della città
di Milano.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus