Me
Trent’anni fa, il disastro di Chernobyl creava una città fantasma
Condividi su:

Trent’anni fa, il disastro di Chernobyl creava una città fantasma

Il video delle immagini girate con un drone sul sito abbandonato nel 1986, una cartolina dell'ultima epoca sovietica

26 Apr. 2016

Il 26 aprile 1986, più di trenta anni fa, il reattore nucleare di Chernobyl, vicino alla città di Pripyat in Ucraina, esplose disperdendo nuvole di materiale radioattivo che viaggiava verso ovest ben oltre i confini dell’allora repubblica sovietica.

Le autorità evacuarono la popolazione residente nel raggio di 32 chilometri dal sito per evitare che l’esposizione a lungo termine alle radiazioni avesse effetti irreparabili sulla loro salute.

A Chernobyl il tempo ha cessato di scorrere quel giorno. Tutto si è fermato così com’era, come congelato. Un’istantanea della vita nell’universo sovietico che si avviava al tramonto.

Le scene surreali di abbandono riprese da Danny Cooke con un drone, mentre lavorava a un documentario per la Cbs nel novembre del 2014.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus