Me
La Cina degli animali in via d’estinzione
Condividi su:

La Cina degli animali in via d’estinzione

Il trailer è stato diffuso dalla Disney nella Giornata mondiale dedicata alla terra e racconta la vita delle specie animali a rischio estinzione

24 Apr. 2016

Il 22 aprile, nella giornata mondiale dedicata alla terra, 171 paesi erano a New York nella sede della Nazioni Unite per ratificare l’accordo sul clima raggiunto nella Conferenza di Parigi a dicembre dell’anno scorso, definito dallo stesso segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon “un momento storico” per tutti. Nello stesso giorno in cui i grandi della terra decidevano le sorti del pianeta, La Disney Nature ha lanciato il trailer del documentario naturalistico dal titolo “Born in China”. 

Il documentario arriverà nelle sale nel 2017 in concomitanza con il prossimo Earth Day ed è promosso dal Worldwide conservation fund della Disney. L’obiettivo è quello di sensibilizzare, aiutare e proteggere i panda selvatici e tutte le specie a rischio estinzione che vivono sul continente asiatico. 

Diretto dal regista cinese Lu Chuan, “Born in China” segue le vicende di tre famiglie di animali e della loro vita quotidiana negli ambienti più estremi del pianeta, catturandone i momenti più intimi.

Il film è stato realizzato in alcuni dei luoghi più belli e selvaggi della Cina.

Si vede mamma panda che guida il suo cucciolo nella ricerca del cibo e della sua indipendenza, una vecchia scimmia si sente spodestata dalla nuova arrivata e decide di unirsi al branco di emarginati dallo spirito libero. Un leopardo delle nevi che generalmente vive dai 700 ai 5.800 metri di altitudine, sulle montagne dell’Asia centrale, deve affrontare il vero dramma di allevare i suoi cuccioli in uno degli ambienti più spietati della terra.

I cambiamenti climatici, il surriscaldamento globale, il processo di scioglimento dei ghiacciai rischiano di alterare l’habitat naturale di centinaia di specie animali, esponendoli ai pericoli e all’estinzione.

Qui sotto il video

LEGGI ANCHE: Che cosa prevede l’accordo sul clima 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus