Me
La regione sudanese del Darfur vota per mantenere il sistema amministrativo multi-statale
Condividi su:

La regione sudanese del Darfur vota per mantenere il sistema amministrativo multi-statale

Gruppi ribelli e d'opposizione hanno boicottato il voto e denunciano che il conflitto nella regione è colpa della politica di Khartoum

23 Apr. 2016

La popolazione del Darfur, nella parte occidentale del Sudan, ha votato contro la riunificazione degli stati che la compongono, ha riferito la Commissione per i referendum del Darfur sabato 23 aprile 2016.

L’opzione che ha ottenuto la maggioranza dei voti era anche quella auspicata dal governo, ma il voto è stato boicottato da alcuni importanti gruppi ribelli e appartenenti all’opposizione.

Essi sostengono, infatti, che la divisione del Darfur prima in tre (1994) e successivamente in altri cinque stati operata dal governo sudanese ha permesso un maggiore controllo da parte di Khartoum e ha innescato i combattimenti esplosi nel 2003 che hanno condotto a un conflitto dilaniante.

La Commissione nazionale per i referendum ha reso noto che il 97 per cento dei votanti ha scelto di mantenere il sistema amministrativo multi-statale e che dei 3,21 aventi diritto, ben 3,08 milioni di persone hanno espresso la propria preferenza.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus