Me

L’attentatore di Bruxelles Najim Laachraoui era un carceriere in Siria

A riconoscerlo sono stati quattro giornalisti francesi rapiti dall’Isis e liberati nell’aprile del 2014

Immagine di copertina

Uno degli attentatori di Bruxelles, Najim Laachraoui, era il carceriere dei quattro giornalisti francesi tenuti in ostaggio dal sedicente Stato islamico in Siria tra il 2013 e il 2014.

A riconoscerlo è stato uno degli ex-prigionieri, liberati nell’aprile del 2014 dopo dieci mesi di prigionia. A dare la notizia è stato il suo avvocato.

In Siria Laachraoui era chiamato col nome di battaglia “Abou Idriass”. Insieme a lui, secondo il quotidiano francese Le Parisien, c’era Mehdi Nemmouche, il terrorista accusato di aver ucciso quattro persone al museo ebraico nel maggio del 2014.

Laachraoui è tra i morti nell’attacco suicida del 22 marzo all’aeroporto di Zaventem, mentre Nemmouche è rinchiuso in una prigione belga.

I giornalisti francesi, Didier Fran, Pierre Torres, Edouard Elias e Nicolas Henin ricordano che i due carcerieri sparirono alla fine del gennaio del 2014, quando probabilmente tornarono in Europa per preparare gli attacchi.