Me
È morto Prince
Condividi su:

È morto Prince

Il celebre cantante statunitense, che ha fatto la storia della musica, è deceduto all'età di 57 anni

21 Apr. 2016

È morto Prince, icona della musica mondiale. Aveva 57 anni. Il celebre cantante statunitense è stato trovato senza vita nel suo studio di registrazione musicale di Minneapolis, nello stato del Minnesota.

La settimana scorsa era stato brevemente ricoverato in ospedale a causa di un’influenza, che lo aveva costretto a cancellare due concerti nella città di Atlanta.

Prince Rogers Nelson era nato a Minneapolis il 7 giugno del 1958.

La sua voce inconfondibile gli è valsa oltre 100 milioni di dischi venduti, rendendolo uno degli artisti più di successo di tutti i tempi.

Ha scritto centinaia di canzoni per se stesso e altri artisti, e pubblicato 39 album, di cui quattro negli ultimi 18 mesi. Tra i suoi brani più conosciuti le canzoni Purple Rain e Kiss.

Ha vinto numerosi Grammy e ottenuto altri importanti riconoscimenti durante la sua carriera. Si tratta di una delle icone pop statunitensi più creative ed eccentriche, autore di brani espliciti e sensuali.

COME SI È SVILUPPATA LA NOTIZIA DELLA SUA MORTE

Inizialmente le autorità locai non avevano voluto svelare l’identità dell’uomo deceduto all’interno della proprietà dell’artista, e infatti erano emersi report secondo cui gli agenti stavano indagando la morte di una persona all’interno dello studio di Prince. Poco più tardi si è diffusa la notizia della morte della celebre popstar.

Questo qui sotto è l’ultimo tweet dal suo account Twitter, il 18 aprile, tre giorni fa 

LEGGI ANCHE: ADDIO A PRINCE, ICONA SENZA TEMPO: 5 PEZZI PER CONOSCERLO. È morto ieri all’età di 57 anni, in circostanze ancora non chiarite, il genio della musica che segnò da protagonista gli anni Ottanta e non solo

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus