Me

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 20 aprile 2016

Immagine di copertina

Stati Uniti: Hillary Clinton per i democratici e Donald Trump per i repubblicani hanno vinto le primarie a New York. Trump si è aggiudicato 87 delegati su 95, Clinton 139 su 247, i restanti 108 sono andati a Bernie Sanders. 

– Siria: almeno 40 persone sono morte a causa di un raid aereo che ha colpito un mercato ortofrutticolo in una zona nelle mani dei ribelli. L’opposizione intanto si è ritirata dai colloqui di pace.

– Ecuador: la speranza di trovare altri superstiti sotto le macerie causate dal forte terremoto che ha colpito il paese sono ormai bassissime. Si tratta del sisma peggiore degli ultimi settanta anni e saranno necessari miliardi di dollari per la ricostruzione. 

– Grecia: proseguono gli scontri tra i migranti e le forze dell’ordine al confine tra Grecia e Macedonia. 

– Brasile: Dilma Rousseff accusa la camera dei deputati, a maggioranza maschile, di aver votato l’impeachment anche perché lei è una donna e mette in guardia dal fatto che una spirale di odio e intolleranza si sta facendo strada in Brasile. 

– Cuba: per altri cinque anni sarà Raul Castro il capo del partito Comunista cubano, ha stabilito il congresso riunito in questi giorni. 

– Russia: si terrà oggi un vertice sulla sicurezza tra i paesi Nato e la Russia. Si tratta del primo incontro di questa portata da due anni a questa parte. 

– Israele: migliaia di manifestanti hanno protestato a Tel Aviv per chiedere il rilascio del soldato incriminato di omicidio colposo per l’assassinio di un assalitore palestinese. 

– Yemen: gli Stati Uniti e altri membri della comunità internazionale stanno cercando di persuadere i ribelli Houthi a inviare una loro delegazione ai colloqui di pace in Kuwait, per evitare che la già debole tregua collassi del tutto.

– Bielorussia: a Minsk è stata organizzata una grande manifestazione contro le centrali nucleari

– Egitto: il segretario di stato americano John Kerry incontrerà al Cairo il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi 

– Messico: il primo ministro italiano si recherà in visita ufficiale in Messico. 

– Francia: il ministro degli Esteri francese e quello greco si incontreranno per parlare di crisi migratoria.