Me

Circa 400 migranti dispersi in un naufragio al largo della Libia

Si teme la strage. I migranti erano a bordo di quattro barconi fatiscenti e sarebbero annegati mentre cercavano di raggiungere le coste dell'Italia

Immagine di copertina

Circa quattrocento migranti, in gran parte somali, sarebbero annegati nel Mar Mediterraneo mentre cercavano di raggiungere l’Italia dall’Egitto.

Le autorità italiane, egiziane e greche non sono state in grado di confermare la notizia pubblicata dalla Bbc.

La maggior parte dei migranti fuggiva da Somalia, Etiopia ed Eritrea a bordo di quattro imbarcazioni in pessime condizioni.

Le squadre di soccorso sarebbero riuscite a salvare solo 29 persone. L’ambasciatore somalo in Egitto ha detto che sta svolgendo verifiche sull’accaduto. 

Il corrispondente della Bbc in Kenia ha fatto sapere di aver parlato con i parenti di tre giovani somali della stessa famiglia che sarebbero tra i migranti annegati. Sui social network, inoltre, circolano da alcune ore le immagini dei soccorritori che portavano a riva i cadaveri.

In un altro naufragio nel Mediterraneo, nella sera di domenica 17 aprile, sei cadaveri sono stati recuperati su un gommone intercettato a 30 miglia a nord di Sabratha, in Libia.

Nel corso dell’operazione, coordinata dalla centrale operativa di Roma della Guardia Costiera, sono state salvate 108 persone, tra le quali cinque donne.

La centrale operativa, ricevuta la richiesta di soccorso, ha inviato sul punto indicato la nave Aquarius appartenente ad una Ong francese, Sos Mediteranne.

L’unità ha raggiunto il gommone semiaffondato, che, a causa del mare molto mosso, rischiava di capovolgersi. I migranti sono attesi nelle prossime ore a Lampedusa.

Esattamente un anno fa avveniva il naufragio al largo delle coste libiche in cui morirono circa 800 migranti. Il relitto della nave affondata è stato recuperato dalla Marina militare e verso fine mese il relitto dovrebbe arrivare al porto di Augusta, dove comincerà il lavoro di recupero dei cadaveri dal barcone.

Lo ha detto a Radio Rai “Voci del mattino”, il prefetto Vittorio Piscitelli, commissario straordinario del Governo per le persone scomparse.

Anche l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Ue Federica Mogherini ha ricordato il “triste anniversario” a margine dei lavori del consiglio Affari esteri, riunito oggi a Lussemburgo, e ha chiesto di “fare di più” nella gestione dei flussi migratori.