Me

Cosa fanno le donne quando nessuno le guarda

Una serie di simpatiche illustrazioni di Sally Nixon ritraggono le abitudini delle donne quando sanno di non poter essere viste da occhi indiscreti

Immagine di copertina

Quante volte ci è capitato di addentare quella bella fetta di torta direttamente dalla teglia, lontane dagli occhi indiscreti o dal giudizio delle amiche attente alla dieta, e provare un piacere indescrivibile sapendo di aver commesso un peccato di gola? Quante volte per non far tardi a un appuntamento ci siamo infilate sotto la doccia e per risparmiare del tempo ci siamo lavate i denti sotto l’acqua corrente? 

Lontane dai giudizi di amici, parenti e conoscenti, quando chiudiamo la porta di casa e ci stendiamo sul divano sentiamo di essere più libere, consapevoli che il mondo non ci sta guardando. Almeno per qualche ora. 

Le illustrazioni dell’artista dell’Arkansas, Sally Nixon, provano a descrivere perfettamente la vita delle donne quando sono lontane dagli occhi indiscreti della società. 

TPI l’ha contattata e ha scelto di pubblicare le immagini più rappresentative. 

Il progetto iniziale dell’illustratrice americana era stato pensato come una serie di disegni creati ogni giorno, per 365 giorni, ispirati alla sua stessa routine quotidiana. 

I disegni raffigurano i momenti di tranquillità che le donne ricercano quando chiudono la porta di casa, lontane dalla pressione di essere continuamente perfette. 

“Le donne sono costantemente giudicate per il loro aspetto e per le loro azioni, e questo a volte può essere faticoso. Volevo mostrarle quando si trovano nel loro ambiente domestico e nessuno le giudica”, ha detto Nixon. 

Tutte noi, in qualche modo, ci possiamo immedesimare in questi disegni. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus