Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 14 aprile

14 Apr. 2016

Corea del Sud: il partito conservatore al governo ha subito una sconfitta alle elezioni parlamentari. Si tratta di un duro colpo per il presidente Park Geun-hye. 

– Siria: si sono tenute ieri le elezioni parlamentari nelle aree controllate dal governo di Damasco. Non si conosce ancora l’esito. L’opposizione e la Comunità internazionale le hanno definite “illegittime e provocatorie”. 

– Stati Uniti: dopo diverse settimane di studi e ricerche, le autorità sanitarie statunitensi hanno confermato che l’infezione da virus Zika, se contratta durante la gravidanza, provoca microcefalia nel bambino, come era stato ipotizzato. 

– Siria: continuano i colloqui di pace a Ginevra, che andranno avanti fino al 25 aprile. 

– Russia: due aerei da guerra hanno simulato un attacco passando vicino a un cacciatorpediniere lanciamissili statunitense nel mar Baltico. Si tratta di uno degli episodi più aggressivi degli ultimi tempi, hanno riferito i militari statunitensi. 

– Stati Uniti: Bernie Sanders si è aggiudicato il suo primo endorsement da parte di un senatore. Sanders e Clinton si stanno preparando per le importanti primarie di New York del prossimo 19 aprile, sulle quali puntano entrambi moltissimo. 

– Brasile: Dilma Rousseff ha annunciato che se sopravviverà al voto di impeachment che si terrà domenica 17 aprile, formerà un nuovo governo di unità nazionale

– Corea del Nord: sulla costa orientale del paese è stata installato un missile a medio raggio che con buona probabilità verrà lanciato il 15 aprile, giorno della nascita del fondatore del paese. 

– Spagna: la polizia spagnola ha arrestato un uomo francese con l’accusa di aver fornito le armi usate dai militanti islamisti nell’attacco a un supermercato kosher a Parigi nel gennaio 2015. 

– Irlanda: i maggiori partiti del paese stanno conducendo trattative per la formazione del nuovo governo.

– Stati Uniti: è in corso il Tribeca film festival, che andrà avanti fino al 24 aprile. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus