Me
A Città del Messico si festeggia la Pasqua bruciando Donald Trump
Condividi su:

A Città del Messico si festeggia la Pasqua bruciando Donald Trump

I falò, spesso di politici impopolari, sono una antica tradizione messicana che si tiene ogni anno a Pasqua, quando si brucia l’immagine di qualcuno che simboleggia Giuda

27 Mar. 2016

A Città del Messico, nel quartiere povero di La Merced, centinaia di cittadini hanno incendiato una grande statua di carta pesta che raffigurava Donald Trump, in giacca blu e cravatta rossa. Non solo nella capitale messicana, ma in numerose altre città del paese, da Puebla a Monterrey, si sono tenuti “rituali” del genere, in concomitanza con le celebrazioni della Pasqua. 

Le opinioni anti-immigrati di Donald Trump e la promessa di costruire un muro tra Stati Uniti e Messico se verrà eletto, hanno suscitato in questi mesi grande indignazione a sud del confine americano.

I falò di effigi umane, spesso politici impopolari, sono parte di una diffusissima tradizione messicana che si tiene ogni anno in occasione della settimana santa, quando in molte città si brucia l’immagine di qualcuno che simboleggia Giuda Iscariota, che secondo la Bibbia tradì Gesù Cristo.

“Con tutte le cose stupide che ha detto su di messicani, ho pensato che la gente avrebbe voluto vederlo bruciare come Giuda”, ha detto Leonardo Linares, l’artigiano che fa parte della famiglia che da generazioni costruisce i fantocci.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus