Me
La forchetta elettrica che simula il salato
Condividi su:

La forchetta elettrica che simula il salato

Per il suo ideatore, essa soddisferà le necessità di coloro che desiderano una dieta alimentare salutare ma non vogliono rinunciare al sapore

26 Mar. 2016

Gli scienziati giapponesi hanno ideato una forchetta elettrica che simula la sapidità nei cibi che non contengono sale. L’invenzione ha uno scopo medico in quanto è stata sviluppata per le persone che soffrono di pressione alta.

A proporre la forchetta elettrica è stato Hiromi Nakamura, un ricercatore dell’Università di Tokyo. Essa fa parte del progetto “Ristorante senza sale”, pensato da medici e scienziati per migliorare l’esperienza gastronomica di chi, per ragioni di salute, deve eliminare o ridurre il sale nella propria dieta.

“Questa tecnologia trasforma l’elettricità in sapore”, ha spiegato Nakamura.

Quando il cibo viene preso con la forchetta e posato sulla lingua, un piccolo segnale elettrico stimola le papille gustative simulando il gusto salato.

Cambiando l’intensità del segnale elettrico possono essere simulati anche l’agro e la consistenza del boccone, ma la dolcezza è difficile da riprodurre. 

(qui sotto la forchetta elettrica)

Secondo Nakamura, non esistono effetti collaterali derivanti dall’uso della forchetta elettrica.

L’invenzione ha cominciato il suo periodo di sperimentazione giovedì 24 marzo. Quando un testatore ha usato le posate per mangiare una cotoletta di maiale senza sale, la sensazione ricevuta è stata di sapidità amarognola accompagnata da un lieve formicolio. 

Il gusto salato è scomparso non appena la forchetta è stata rimossa dalla cotoletta.

Gli organizzatori del progetto “Ristorante senza sale” terranno un evento in aprile perché il pubblico provi le posate. Verranno servite pietanze non salate inclusi hamburger di manzo e riso fritto all’aglio.

“[la forchetta] soddisferà le necessità di coloro che desiderano una dieta alimentare salutare ma non vogliono rinunciare al sapore”, ha detto Nakamura.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus