Me

L’esercito nigeriano libera più di 800 ostaggi di Boko Haram

Nel corso delle operazioni militari, le truppe governative hanno annunciato che 25 combattenti del gruppo estremista sono rimasti uccisi

Immagine di copertina

Più di 800 ostaggi in mano ai miliziani del gruppo estremista Boko Haram sono stati tratti in salvo dall’esercito nigerianoLe truppe governative hanno liberato centinaia di detenuti, tenuti prigionieri dai combattenti in numerosi villaggi dello stato federale del Borno, nel nordest della Nigeria.

Lo hanno annunciato giovedì 24 marzo fonti delle forze armate nigeriane, aggiungendo che tutti gli ostaggi sono stati tratti in salvo. Di questi, 520 sono stati trovati nel villaggio di Kusuma e portati in salvo dopo uno scontro a fuoco tra forze militari e combattenti di Boko Haram. Altri 309 sono stati ritrovati nelle aree sotto il controllo del gruppo estremista. 

Le truppe nigeriane hanno anche affermato che nel corso delle operazioni almeno 25 miliziani di Boko Haram sono rimasti uccisi, e che un altro combattente è stato catturato vivo. Sono inoltre state recuperate armi, asce da combattimento e una moto. 

Nello stesso giorno in cui l’esercito ha tratto in salvo oltre 800 ostaggi, tuttavia, Boko Haram ha rapito 16 donne, tra cui due bambini, nel vicino stato di Adamawa, sempre nel nordest del paese, area dove il gruppo estremista concentra le sue attività.

“Abbiamo ricevuto informazioni sul rapimento di 14 donne e di due bambine per mano di uomini armati. Si ritiene che essi appartengano al gruppo di miliziani di Boko Haram. Il rapimento è avvenuto nel villaggio di Sabon Garin”, ha precisato un portavoce della polizia.

I residenti locali hanno raccontato che le donne sono state rapite mentre erano impegnate a raccogliere legna da ardere e a pescare in un fiume vicino.

“Quando i vigilantes civili preposti a difendere le donne hanno visto avanzare alcuni combattenti pesantemente armati verso di loro sono fuggiti, lasciando le donne al loro destino”, ha raccontato un testimone.

“Due donne sono riuscite a fuggire nel fiume facendo finta di essere annegate e sono riuscite a lanciare l’allarme”, ha aggiunto un residente del luogo. 

Nell’aprile del 2014 più di duecento studentesse erano state rapite dai miliziani di Boko Haram nella città di Chibok, nel nordest della Nigeria.

Più di 2,6 milioni di persone hanno lasciato le loro case dall’inizio della violenze perpetrate da Boko Haram, ma alcuni degli sfollati hanno fatto rientro nelle loro abitazioni e nei loro villaggi dopo che le truppe nigeriane – con il supporto di una coalizione di forze militari del Ciad, del Camerun, del Niger e del Benin – hanno riconquistato gran parte del territorio controllato dai miliziani.