Me
Cosa è successo il 23 marzo nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo il 23 marzo nel mondo

Un riassunto semplice e chiaro di quello che è successo oggi nel mondo

23 Mar. 2016

Belgio: il Procuratore federale belga Frederic van Leeuw ha tenuto una conferenza stampa per fare chiarezza intorno alle indagini in corso sugli attacchi di Bruxelles del 22 marzo. Ecco cosa ne è emerso:  i due attentatori suicidi responsabili degli attacchi all’aeroporto Zaventem e alla fermata metro Maelbeek sono stati individuati come i fratelli Khalid e Ibrahim el Bakraoui, tramite tracce di DNA. In un raid nel distretto Schaerbeek di Bruxelles nella notte tra il 22 e il 23 marzo, la polizia ha trovato 15 chilogrammi di esplosivo, 150 litri di acetone, 30 litri di acqua ossigenata, detonatori e una valigia con viti, chiodi e altre scatole di plastica. La squadra anti-terrorismo questa mattina ha fatto un blitz nell’area di Anderlecht, vicino Bruxelles, arrestando un uomo di cui non è stata diffusa l’identità. 

– Polonia: “Non vedo la possibilità di ospitare migranti in questo momento”, ha detto il primo ministro polacco, Beata Szydlo. La Polonia infatti non accoglierà i 7500 rifugiati che avrebbe dovuto ospitare secondo gli accordi con l’Unione europea. Lo ha annunciato il primo ministro polacco dopo gli attacchi terroristici nella capitale belga.

– Stati Uniti: il 22 marzo 2016 si sono tenute le primarie e i caucus dei democratici in Arizona, Utah e Idaho. I repubblicani hanno votato invece soltanto in Arizona e Utah. Hillary Clinton si è aggiudicata l’Arizona, dove ha ottenuto 43 delegati. Bernie Sanders ha vinto invece i caucus in Idaho e Utah, rispettivamente con 17 e 18 candidati. Per i repubblicani, Donald Trump si è aggiudicato i 58 delegati dell’Arizona. L’Utah invece è andato a Ted Cruz, con 40 delegati. 

– Germania: un candidato del partito di estrema destra nazionalista tedesco Npd è stato salvato da due migranti siriani arrivati in suo soccorso dopo che l’uomo, avendo perso il controllo dell’auto su cui viaggiava, si era schiantato contro un albero. Stefan Jagsh, candidato del partito alle elezioni locali nell’Assia, uno dei lander tedeschi, è rimasto gravemente ferito nell’incidente avvenuto il 16 marzo nella strada tra i comuni di Altenstadt e Büdingen. 

– Yemen: almeno 50 militanti di al Qaeda sono morti in un raid statunitense che ha colpito un campo di addestramento jihadista nelle montagne del sud dello Yemen. Il campo apparteneva al gruppo Al Qaeda nella penisola arabica (Aqap) e si trovava non lontano dalla città di Mukalla, nella provincia di Hadramout. Almeno 30 militanti sono rimasti feriti. Il raid ha colpito il campo mentre le reclute si trovavano in fila per la cena

– Stati Uniti: il candidato repubblicano che si era ritirato dalla corsa dopo le primarie in South Carolina lo scorso 20 febbraio, Jeb Bush, ha dato il suo endorsement a Ted Cruz. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus