Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

I fatti da sapere per il 23 marzo 2016

23 Mar. 2016

Belgio: sono stati identificati i responsabili dell’attacco suicida all’aeroporto Zaventem di Bruxelles, che ha provocato 34 morti e almeno 250 feriti. Sono i due fratelli Khalid e Brahim el-Bakraoui. I due erano già noti alle forze dell’ordine. 

– Stati Uniti: le primarie dei repubblicani in Arizona sono state vinte da Donald Trump, quelle democratiche da Hillary Clinton. Ted Cruz per i repubblicani e Sanders per i democratici si aggiudicano lo stato dell’Utah. Sanders vince anche in Idaho. 

– Europa: l’Unhcr ha fatto sapere che non prenderà parte ai trasferimenti dei migranti che arrivano in Grecia verso i “centri di detenzione” e ha denunciato violazioni dei diritti umani. Intanto in Grecia la tensione è alta, un migrante si è dato fuoco al campo profughi di Idomeni.  

– Cina: le autorità cinesi hanno arrestato 37 persone coinvolte in uno scandalo per la vendita illegale di vaccini. 

– Argentina: dopo la visita a Cuba, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si è recato in Argentina per incontrare il presidente Mauricio Macri. 

– Brasile: la presidente brasiliana Dilma Rousseff ha ribadito che non si dimetterà in seguito agli scandali di corruzione che hanno investito il paese, definendo “colpo di stato” il tentativo di impeachment nei suoi confronti portato avanti dall’opposizione. 

– Siria: l’inviato speciale per la Siria, Staffan de Mistura, ha fiducia che i colloqui tra il segretario di stato americano John Kerry e il ministro degli Esteri Lavrov possano dare nuovo slancio ai negoziati di pace sulla Siria. 

– Repubblica del Congo: secondo i primi risultati elettorali il presidente in carica Denis Sassou Nguesso potrebbe essere rieletto. 

– Niger: Mahamadou Issoufou è stato eletto presidente al secondo turno con il 92,5 per cento delle preferenze. Le elezioni erano state boicottate dall’opposizione.

– Russia: il ministro dello Sport russo si prepara alle dimissioni dopo il grosso scandalo di doping che ha investito il paese. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus