Me
L’operazione anti-terrorismo della polizia di Bruxelles
Condividi su:

L’operazione anti-terrorismo della polizia di Bruxelles

Quattro agenti sono rimasti feriti in uno scontro a fuoco con almeno tre presunti attentatori legati agli attentati di Parigi del 13 novembre, uno di loro è stato ucciso

15 Mar. 2016

È stato identificato l’uomo armato che ieri, 15 marzo, è stato ucciso dalla polizia belga. Si tratta di un cittadino algerino. La polizia sta ancora cercando altri due sospettati che si trovavano nell’appartamento dove è stato effettuato il blitz durante l’operazione anti-terrorismo che si è svolta a sud di Bruxelles. Le strade sono state sgomberate e chiuse al traffico. Un elicottero ha sorvolato l’area dell’operazione.

Almeno quattro poliziotti sono rimasti feriti in uno scontro fuoco durante e dopo la perquisizione delle abitazioni di uomini sospettati di essere coinvolti negli attacchi di Parigi dello scorso 13 novembre, in cui sono morte 130 persone.

L’operazione anti-terrorismo ha avuto luogo nel sobborgo di Forest, a sud di Bruxelles. 

La polizia ha chiesto agli abitanti del luogo di non uscire di casa. Il ministro degli Interni francese, Bernard Cazeneuve, ha fatto sapere che anche le forze di polizia da lui controllate stanno prendendo parte all’operazione.

La popolazione del Belgio è pari a 11 milioni di abitanti. Il 5 per cento è di religione musulmana. Il Belgio detiene anche il più alto tasso di cittadini in Europa che hanno scelto di unirsi all’Isis.

BELGISTAN, Davide Lerner di TPI vi porta nel comune vicino a Bruxelles dove la polizia ha arrestato sette presunti attentatori per gli attacchi di Parigi 

Qui sotto: una mappa del Guardian mostra il luogo dell’operazione anti-terrorismo

Nella foto qui sotto: un momento dell’operazione anti-terrorismo della polizia nel sud di Bruxelles 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus