Me
Un bambino siriano su tre non conosce altro che la guerra da quando è nato
Condividi su:

Un bambino siriano su tre non conosce altro che la guerra da quando è nato

Il rapporto di Unicef riferisce che più di 8 milioni di bambini siriani risentono gravemente della guerra, ma non sono ancora una generazione perduta

14 Mar. 2016

L’Unicef stima che, dall’inizio del conflitto in Siria nel 2011 a oggi, siano nati circa 3,7 milioni di bambini siriani, dei quali 306 mila nella condizione di rifugiati.

Questi bambini sono venuti al mondo in circostanze di estrema violenza, di terrore e di migrazione forzata. Un bambino siriano su tre non ha conosciuto altro nella sua vita che la guerra.

L’Unicef stima anche che l’80 per cento della popolazione infantile siriana, circa 8,4 milioni di bambini, subisce gli effetti del conflitto, sia all’interno della Siria che nei paesi vicini dove hanno trovato rifugio.

Peter Salama, il direttore regionale dell’Unicef in Medio Oriente e Nord Africa, ha detto: “In Siria, la violenza è diventata fin troppo comune e ha raggiunto case, scuole, ospedali, cliniche, parchi e aree giochi, persino luoghi di culto. Quasi 7 milioni di persone vivono in condizioni di povertà e un’infanzia fatta di perdite e privazione”.

Secondo No Place for Children, il rapporto dell’Unicef pubblicato il 14 marzo 2016, l’agenzia ha riscontrato quasi 1.500 gravi violazioni contro i bambini nel solo 2015. Più del 60 per cento di queste violazioni erano casi di uccisioni o menomazioni causati da armi esplosive utilizzate in aree popolate. Più di un terzo di questi bambini sono rimasti uccisi mentre erano a scuola o lungo la strada per andare o tornare da scuola.

Nei paesi confinanti con la Siria, il numero di rifugiati è quasi dieci volte maggiore rispetto al 2012. Metà dei rifugiati sono bambini. Più di 15mila minori non accompagnati o bambini separati dalle loro famiglie hanno attraversato i confini della Siria.

“A cinque anni dall’inizio della guerra, milioni di bambini sono cresciuti troppo in fretta e prima del tempo”, ha dichiarato Salama. “Mentre la guerra continua, i bambini combattono la guerra degli adulti, continuano a lasciare la scuola e molti sono costretti a lavorare, mentre le bambine sono costrette a sposarsi molto presto”.

Nei primi anni del conflitto, la maggior parte dei minori reclutati nelle forze e gruppi armati erano ragazzi tra i 15 e i 17 anni, ed erano impiegati in ruoli di supporto lontano dalle linee di fronte. Tuttavia, sin dal 2014, tutte le parti in conflitto hanno cominciato a reclutare ragazzi molto più giovani, a volte di appena sette anni, spesso senza il consenso dei genitori.

Più della metà dei casi di reclutamento di minori verificati dall’Unicef nel 2015 riguardano bambini sotto i 15 anni, mentre nel 2014 erano meno del 20 per cento.

Questi ragazzi ricevono un addestramento militare e partecipano ai combattimenti, oppure in attività che mettono a rischio le loro vite sui fronti di battaglia, incluso il trasporto e la manutenzione di armi, il presidio dei checkpoint, e il soccorso e l’evacuazione dei feriti in battaglia. Alcune fazioni usano i ragazzi anche per uccidere, costringendoli a prendere parte alle esecuzioni o a fare i cecchini.

Una delle sfide più significative nel corso del conflitto è stato provvedere all’istruzione dei bambini. I tassi di frequenza scolastica in Siria hanno toccato il fondo.

L’Unicef stima che più di 2,1 milioni di bambini in Siria e 700 mila nei paesi confinanti non vadano a scuola. Per far fronte a questa situazione, l’Unicef e altri partner hanno lanciato la No Lost Generation Initiative che si impegna a riportare i bambini a scuola e a fornire opportunità ai giovani.

“Non è troppo tardi per i bambini siriani: continuano ad avere la speranza di una vita di dignità e possibilità. Coltivano ancora sogni di pace e hanno la possibilità di realizzarli”, ha concluso Salama.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus