Me

Le foto della Corea del Nord che il regime non vorrebbe mostrare

Il fotografo Michał Huniewicz è andato in Corea del Nord come un turista qualunque, ed è riuscito a tenere illegalmente con sé le foto che non avrebbe potuto scattare

Immagine di copertina

Michał Huniewicz è un fotografo attivo a Londra, che negli
anni ha collaborato con diverse testate internazionali come The Telegraph,
Stern, Metro, Daily Mail, e La Repubblica.

Recentemente, nelle apparenti vesti di un turista qualunque,
si è recato in Corea del Nord, dove ha realizzato un reportage di ciò che ha osservato,
nella maggior parte dei casi dal finestrino di un autobus, visto che le visite
nel paese sono controllatissime e i turisti non sono autorizzati a circolare
liberamente.

Huniewicz è partito dalla Cina e ha poi attraversato la campagna
coreana prima di arrivare a Pyongyang, capitale della nazione e città-monumento
dedicata alla gloria dell’attuale capo di stato Kim Jong-un e a suo padre, il “caro
leader” Kim Jong-il, le cui immagini adornano ogni angolo del luogo.

Il fotografo ha rischiato ritorsioni da parte delle autorità
locali nello scattare foto anche in luoghi in cui questo non era consentito, e
nonostante le sue cautele nel farlo, la guida coreana che accompagnava
costantemente lui e il suo gruppo lo ha avvertito che aveva fatto troppe
fotografie e che se avessero trovato foto non consentite sarebbe stato
trattenuto.

Huniewicz è però riuscito a tenere illegalmente con sé le
immagini, rischiando pene severe, e questo è il reportage “rubato” che ha riportato a Londra, compreso delle sue
interessanti didascalie in cui spiega i dettagli della vita coreana.

LEGGI ANCHE: COME ENTRARE IN COREA DEL NORD. Nonostante già più di una volta il regime di Pyongyang abbia arrestato cittadini stranieri, il turismo verso lo stato asiatico è una realtà consolidata

IL MIO VIAGGIO IN COREA DEL NORD. Ludovico Tallarita ha raccontato a TPI il suo viaggio dentro il regime di Pyongyang