Me
Michael Bloomberg non si candiderà alle presidenziali degli Stati Uniti
Condividi su:

Michael Bloomberg non si candiderà alle presidenziali degli Stati Uniti

L'ex sindaco di New York aveva deciso di candidarsi per evitare una sfida tra il candidato repubblicano Trump e quello democratico Sanders

08 Mar. 2016

L’ex sindaco di New York Michael Bloomberg ha dichiarato lunedì 7 marzo 2016 che non correrà come indipendente alle elezioni presidenziali, perché teme che la sua candidatura possa favorire i candidati Repubblicani Donald Trump o Ted Cruz.

Magnate miliardario dei media che combina politiche fiscali favorevoli alle imprese con opinioni liberali in materia di controllo delle armi e altre questioni sociali, Bloomberg avrebbe potuto raccogliere i consensi degli elettori centristi in una corsa elettorale che vede esponenti dell’ala più conservatrice e dell’area socialista guadagnare popolarità.

Ma Bloomberg, 74 anni, ha detto di essersi convinto che nessun candidato sarebbe in grado di aggiudicarsi una netta maggioranza in una corsa a tre. Ciò consegnerebbe l’elezione nelle mani della Camera dei Deputati, controllata dai Repubblicani, e assegnerebbe la Casa Bianca a Trump, un miliardario del settore immobiliare, o a Cruz, un senatore conservatore del Texas.

“Questo non è un rischio che la mia coscienza mi consente di correre”, ha scritto su Bloomberg View, piattaforma d’opinione online che fa capo al suo impero mediatico.

Un sondaggio realizzato da Reuters/Ipsos su scala nazionale tra mercoledì 2 marzo e lunedì 7, rivela che circa il 12 per cento degli intervistati sosterrebbe Bloomberg in una corsa a tre per la presidenza con il candidato democratico Hillary Clinton e con Trump. 

Il 41 per cento degli intervistati ha dichiarato che sosterrebbe Clinton e il 31 per cento Trump. Il sondaggio è stato condotto su 1.695 possibili elettori.

Bloomberg ha detto che Trump, che si trova in testa alla corsa per la candidatura repubblicana alle elezioni presidenziali dell’8 novembre, si è schierato a favore di politiche che minerebbero la tolleranza religiosa e metterebbero in pericolo la sicurezza nazionale.

Trump vorrebbe costruire un muro al confine con il Messico, deportare i migranti clandestini e impedire temporaneamente l’ingresso negli Stati Uniti ai musulmani.

“Sta conducendo la campagna presidenziale più demagogica e controversa che io ricordi, facendo leva sui pregiudizi e le paure della gente”, ha scritto Bloomberg di Trump. Ha anche detto che Cruz, il preferito dei fedeli di confessione evangelica e del Tea Party conservatore, è altrettanto controverso.

Bloomberg ha anche attaccato Clinton e il suo rivale per la nomina democratica, il senatore del Vermont Bernie Sanders, per aver criticato il libero scambio e il settore finanziario.

“L’estremismo è in marcia e, se non lo fermiamo, i nostri problemi a casa e all’estero non faranno che peggiorare”, ha scritto.

I portavoce di Trump e Cruz non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commenti sulle critiche mosse da Bloomberg.

Secondo un suo consulente, il timore di una gara elettorale tra Trump e Sanders, un socialista, aveva spinto Bloomberg a pensare di proporsi come indipendente.

Ma quando Clinton ha distanziato Sanders nella corsa democratica, Bloomberg ha concluso che sia le ragioni per la sua candidatura, sia le possibilità di vittoria sono venute meno.

Clinton ha reagito alla notizia lodandolo educatamente, dicendo che nutre il più grande rispetto per Bloomberg. “Deve prendere da solo le sue decisioni, ma vorrei poter lavorare con lui”, ha dichiarato a Fox News.

Sanders, intervistato sulla decisione di Bloomberg di non candidarsi, ha detto che le leggi elettorali dovrebbero essere cambiate per permettere anche alle persone meno abbienti e sprovviste di amici abbienti di partecipare alla corsa elettorale.

“Penso sia una pessima idea per la democrazia americana che le uniche persone a poter concorrere alla carica presidenziale siano quelle che dispongono di molti soldi”, ha proseguito Sanders.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus