Me
Gli uomini e le donne più ricchi del mondo nel 2016
Condividi su:

Gli uomini e le donne più ricchi del mondo nel 2016

La classifica viene stilata ogni anno dal magazine statunitense Forbes

02 Mar. 2016

Nel marzo 2016 rivista americana Forbes ha pubblicato l’annuale classifica degli uomini più ricchi del pianeta. Tuttavia, l’instabilità dei mercati colpisce anche i paperoni, che calano di numero e, se così si può dire, si impoveriscono. 

Bill Gates si conferma per il terzo anno consecutivo, l’uomo più ricco del mondo con circa 75 miliardi di dollari di fortuna personale. Sale al secondo posto il patron di Zara, Amancio Ortega, che con 67 miliardi di dollari supera il guru della finanza Warren Buffett (60,8 miliardi) e il magnate delle telecomunicazioni Carlos Slim Helu, fermo a 50 miliardi. Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg entra poi nella top ten in sesta posizione con 44,6 miliardi, preceduto al quinto posto da Jeff Bezos, fondatore di Amazon, la cui fortuna si attesta sui 45,2 miliardi di dollari. 

A chiudere la classifica dei dieci più ricchi ci sono poi il fondatore dell’azienda informatica Oracle Larry Ellison (43,6 miliardi), l’editore ed ex sindaco di New York Michael Bloomberg (40 miliardi), l’industriale Charles Koch (39,6 miliardi) e suo fratello David Koch (39,6 miliardi).

La trentesima classifica annuale di Forbes include 1.820 miliardari, meno rispetto al record di 1.826 dello scorso anno. 

La recessione fa poi calare il numero dei miliardari in Russia (sono 77 ovvero 11 meno del 2015) e Brasile dove sono 23 a fronte dei 31 precedenti.

Le prime dieci donne più ricche secondo Forbes sono:

1. Liliane Bettencourt (36,1 miliardi)

2. Alice Walton (32,3)

3. Jacqueline Mars (23,4)

4. Maria Franca Fissolo (22,1)

5. Susanne Klatten (18,5)

6. Laurene Powell Jobs (16,7)

7. Abigail Johnson (13,1)

8. Charlen de Carvalho-Heineken (12,3)

9. Iris Fontbona (10,1)

10. Massimiliana Landini Aleotti (10,1)

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus