Me
A Torino una mostra fotografica sulla guerra d’Ucraina
Condividi su:

A Torino una mostra fotografica sulla guerra d’Ucraina

Dal 20 febbraio al 10 aprile presso la Paola Meliga Gallery è in corso un'esposizione delle immagini del fotoreporter di guerra italiano Ugo Lucio Borga

02 Mar. 2016

È stata inaugurata il 20 febbraio presso la Paola Meliga Gallery di Torino la mostra fotografica di
Ugo Lucio Borga intitolata The Breaking Point – La guerra d’Ucraina, che
resterà nella città piemontese fino al 10 aprile 2016.

Il fotografo italiano,
nato nel 1972, espone nuovamente dopo due anni (la prima mostra,
dal titolo In the name of
Go(L)d
, era dedicata alla guerra centrafricana) nei locali di Paola Meliga documentando con le
sue fotografie – e successivamente con l’uscita del libro “Soldat 1- la guerra d’Ucraina” –
ciò che sta accadendo in Ucraina.

In esposizione, una ventina di immagini che illustrano il
momento attuale storico del paese in una sorta di “microstoria” creata da
trittici di fotografie.          

Questo il commento
di Borga alle sue immagini: “Secondo
la propaganda del governo ucraino, circa seimila civili e militari hanno perso
la vita durante la guerra. Fonti dei servizi segreti tedeschi, citate dal
quotidiano Frankfurter Zeitung Alggemeine, raccontano una verità
diversa: le vittime, nel febbraio 2015, sono già almeno cinquantamila. Nessuno
dei motivi che hanno portato alla genesi e alla cronicizzazione del conflitto
sono stati affrontati e risolti nel corso dell’ultimo vertice, noto come Minsk 2.

Quel che è certo, è
che in Ucraina la gente continua a uccidere e morire, per ragioni che poco o
nulla hanno a che vedere con questioni etniche. Il processo di allargamento
verso est del blocco euro atlantico e la conseguente reazione della Federazione
Russa, determinata a prevenire la perdita di una nazione cui ha sempre
riconosciuto solo un’indipendenza formale, è la causa della guerra in corso.

Oltre un milione e
mezzo di persone hanno abbandonato le loro case per fuggire dai combattimenti.
Chi è rimasto, spesso sopravvive sottoterra. La tregua siglata nel corso degli
ultimi incontri a Minsk è crollata lungo tutta la linea del fronte: si combatte
dal confine orientale con la Federazione russa al Mare d’Azov”.  

L’autore delle immagini in mostra è un fotogiornalista da
sempre concentrato sulle guerre, anche quelle dimenticate, le crisi umanitarie
e le questioni sociali in Africa, Sud America, Medio Oriente, Asia, Europa.
     

Ha realizzato reportage di approfondimento in tutto il mondo
coprendo, tra gli altri, la primavera araba, la guerra civile in RDC, RCA,
Somalia, Libia, Siria e gli scontri inter-religiosi nel nord del Libano.   
       

I suoi articoli e reportage sono apparsi su molti
giornali, riviste, tv e radio tra cui Time,The Guardian, The Observer, The
Independent, Die Zeit, l’Espresso, il Sole24Ore, Il Corriere della Sera e molte
altre testate cartacee o radiotelevisive.

Queste le informazioni sulla mostra: 

DAL 20 FEBBRAIO 2016 AL 10 APRILE 2016         

PAOLA MELIGA GALLERY  
 

VIA MARIA VITTORIA 46/D | 10123 TORINO    

TEL. FAX.:
0039 0 112079983 | 
paolameliga@libero.it  www.fotoartistiche.org 

Orario visite

Mercoledì – sabato dalle 11,00/13,00 – 16,00/19,00

Martedì dalle 16,00 alle 19,00

Lunedì e festivi chiuso. Martedì mattina chiuso.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus