Me
Le mappe della metro più intricate al mondo possono mandare in tilt il nostro cervello
Condividi su:

Le mappe della metro più intricate al mondo possono mandare in tilt il nostro cervello

Avere più linee metro è simbolo di progresso per una città, ma la mappa di un'intricata rete dei trasporti può letteralmente andare oltre le nostre capacità cognitive

15 Giu. 2017

La metropolitana è uno dei più comodi mezzi di trasporto esistenti: permette di evitare il traffico urbano, non inquina e collega in pochi minuti zone di città molto distanti tra loro. Per una città, avere più linee metropolitane è un segno di qualità della vita elevata.

Riccardo Gallotti e Marc Barthlemy, ricercatori rispettivamente della Cea-Saclay e della Mason Porter dell’Università di Oxford, hanno svolto una ricerca per stabilire quanto la continua estensione dei trasporti pubblici, una volta trasposta su una mappa, arrivi a eccedere oltre i nostri limiti cognitivi.

In parole povere: se una città ha un numero elevato di linee e stazioni della metropolitana, una volta raffigurate sulla consueta mappa dei trasporti pubblici, queste linee renderanno la raffigurazione grafica più confusionaria. Di conseguenza, l’estensione delle reti dei trasporti pubblici nelle città rischia di rendere le mappe di difficile comprensione.

Questa comprensibilità delle mappe altera di conseguenza il comportamento delle persone che prendono la metropolitana e sui trasbordi che essi devono fare da una linea all’altra per raggiungere una determinata destinazione.

Partendo da questo presupposto, i due studiosi hanno preso in esame le 15 città al mondo con il maggior numero di stazioni della metropolitana e hanno valutato quali fossero le più complesse e le meno complesse.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus