Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La polizia turca trova esplosivi e armi vicino un checkpoint

Il sequestro è avvenuto lungo un'arteria che porta alla capitale Ankara, già oggetto di gravi attentati

Immagine di copertina

Esplosivi e munizioni sono stati rinvenuti nei pressi di un checkpoint della polizia lungo la strada che collega Ankara, capitale della Turchia alla città costiera di Samsun. A renderlo noto, giovedì 25 febbraio 2016, l’ufficio del governatore di Ankara.

Due granate, una mitragliatrice, un Kalashnikov, quattro detonatori, centinaia di proiettili e tre borse di sostanze esplosive sono state trovate a meno di un chilometro dal checkpoint stradale della gendarmeria. Sono in corso delle indagini in merito.

Le forze armate turche hanno sequestrato diverse armi e munizioni nel sudest del paese nel corso degli ultimi mesi. Tuttavia, i sequestri avvengono raramente al di fuori delle province sudorientali abitate prevalentemente da curdi.

Nella regione l’esercito sta combattendo il Pkk in seguito all’interruzione del cessate il fuoco tra lo stato e il gruppo, avvenuto nel luglio 2015.

Il sequestro segue gli eventi di Ankara del 17 febbraio, quando un’auto carica di esplosivo aveva affiancato dei pullman militari fermi a un semaforo. La detonazione aveva causato la morte di 29 persone.

L’attacco era stato rivendicato dai Falchi per la libertà del Kurdistan (Tak), un gruppo armato fuoriuscito dal Pkk.