Me
Il lavoro da 30mila euro al mese che nessuno vuole
Condividi su:

Il lavoro da 30mila euro al mese che nessuno vuole

Il dottor Alan Kenny da due anni è alla ricerca di un giovane medico di base da impiegare nel suo studio. Ma nessuno ha mai risposto all'offerta

24 Feb. 2016

Un medico chirurgo di base ha offerto un compenso annuo di 360mila euro l’anno – 30mila al mese – a tutti gli aspiranti medici che accetteranno di trasferirsi in un piccolo villaggio in Nuova Zelanda per almeno tre mesi.

Il dottor Alan Kenny, medico chirurgo di base, da trent’anni svolge la sua professione nella cittadina rurale di Tokoroa, in Nuova Zelanda. Da due anni è alla ricerca di un collaboratore o di un sostituto disposto a raccogliere la sua eredità professionale. 

Finora non è riuscito a trovare un medico disposto a lavorare nel suo studio specialistico nella piccola cittadina neozelandese, che conta 13mila abitanti. 

Negli ultimi quattro mesi, il dottor Kenny ha pubblicato numerosi annunci sui portali di lavoro, ha coinvolto numerose agenzie interinali affinché si occupassero di reclutare giovani medici specializzandi. Ma nessuno si è mai presentato.

Inizialmente, le offerte di lavoro sui siti e sulle bacheche delle agenzie per il lavoro valevano solo per personale medico proveniente dal Regno Unito. Ma, come ha raccontato l’uomo al quotidiano locale New Zealand Herald, “non era giunta alcuna risposta, per questo ho ampliato la ricerca, ma non sono riuscito a trovare nemmeno medici del luogo”.

Il fatto che nessuno si fosse fatto avanti per il posto vacante di medico generico nello sperduto villaggio della Nuova Zelanda, lo ha spinto ha formulare un’offerta economica elevata, lanciando così una sfida. “Offro 400mila dollari netti a tutti coloro che si faranno avanti per quel posto di lavoro, che corrisponde al doppio di un compenso annuo normale per un medico di base”. 

Oltre alla proposta economica vantaggiosa, il dottor Kenny ha posto come condizioni allettanti la possibilità di non lavorare nel fine settimana e la libertà di sostenere o meno turni di notte. Ma anche in questo caso, non è pervenuta alcuna risposta. 

(Il dottor Kenny ha promesso un compenso annuo di 400 mila dollari a chi accetterà il posto di medico nella piccola città di Tokoroa) 

La sua clinica, la Tokoroa Family Health, è la più frequentata della zona. Negli ultimi due anni ha registrato un aumento significativo di pazienti arrivati a 6mila unità, circa la metà di tutti gli abitanti della piccola cittadina. Ma il dottor Kenny ha confessato di non riuscire più a tenere il passo e sostenere il carico di responsabilità. Per questo è alla ricerca di un medico più giovane, per poter condividere o dare in consegna il suo lavoro. 

Un sondaggio condotto dal Royal New Zealand College of General Practitioners nel 2015 ha rivelato che il 37 per cento degli studi medici dislocati nei piccoli centri rurali della Nuova Zelanda registravano una significativa carenza di personale medico qualificato. “La maggior parte dei colleghi preferisce lavorare nei grandi centri urbani”, ha sottolineato Kenny.

Il vicedirettore generale della New Zealand Rural General Practice Network, la rete dei medici di base locale, Lynda Reynolds, ha precisato che si sta lavorando al problema della carenza di personale medico nei centri rurali o nei villaggi della Nuova Zelanda, attraverso l’impiego dei giovani medici dell’International Medical Group (IMG).

“Contiamo molto sulla rete IMG, anche se la maggior parte di loro sono impiegati per pochi mesi all’anno. Ma la domanda di personale medico da dislocare nei centri rurali è in costante crescita”. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus