Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La fabbrica marocchina in cui il 90 per cento degli operai è donna

Le foto di Viviana Corvaia all'interno della società Damsa in Marocco, esempio virtuoso di impresa in forte sviluppo

Immagine di copertina

Laayoune e Marsa sono due città della Regione di Laayoune-Boujdour-Sakia el-Hamra, nel sud del Marocco. Si tratta di zone in forte sviluppo e con risorse territoriali significative, soprattutto per quanto riguarda l’estrazione di fosfati e la fiorente attività della pesca.

Due città che nel corso degli ultimi trent’anni si sono sviluppate come centri amministrativi dalla promettente crescita economica e occupazionale, in cui anche le donne svolgono ruoli significativi nei vari settori di riferimento: istituzioni, aziende, associazioni, enti locali, commercio e politica.

La visita della fotografa Viviana Corvaia alla fabbrica Damsa, produttrice di sardine in scatola, situata nella zona industriale di Marsa, ne è una dimostrazione palese. La società Damsa dimostra la capacità di saper valorizzare il territorio circostante e i suoi impiegati, vantando un indotto occupazionale costituito al 90 per cento da donne e la distribuzione dei suoi prodotti in tutto il Marocco e all’estero.

Inoltre, si prevede un potenziamento nel 2016 con l’inserimento in organico di altre 600 impiegate. Un’importante attenzione è emersa anche rispetto alle condizioni di lavoro in termini di cura del lavoratore e della sicurezza. Nella nuova struttura sono state introdotte postazioni a sedere al fine di favorire la comodità delle lavoratrici, che in caso contrario dovrebbero rimanere per molte ore in posizione eretta.