Me
Cosa è successo il 19 febbraio nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo il 19 febbraio nel mondo

Un riassunto semplice e chiaro di quello che è successo oggi nel mondo

19 Feb. 2016

Cina: le compagnie straniere che investono in Cina dal 10 marzo 2016 non potranno più pubblicare alcun contenuto online. Lo ha deciso il governo cinese in collaborazione con la “Administration of Press, Publication, Radio, Film and Television” (Sarft). 

– Austria: il governo ha fissato un tetto al numero di migranti e richiedenti asilo che possono entrare nel paese ogni giorno. Solo 80 richieste di asilo saranno accettate alle frontiere meridionali austriache e sarà consentito l’accesso a 3200 migranti. Il commissario europeo per le migrazioni, Dimitris Avramopoulos, ha definito la misura assolutamente incompatibile con il diritto dell’Unione europea. 

– Onu: le Nazioni Unite hanno diffuso un rapporto che evidenzia che in un numero allarmante di paesi africani, asiatici e mediorientali, le relazioni consenzienti tra adulti omosessuali sono fuorilegge. Sono 76 i paesi nel mondo in cui l’omosessualità è condannata con la tortura.

– Stati Uniti: la California si è rifiutata di costringere gli attori porno a usare occhiali protettivi, preservativi e dental dam (fogli di lattice per prevenire infezioni che si possono trasmettere col sesso orale). L’agenzia governativa per la tutela della salute dei lavoratori ha bocciato il regolamento che prevedeva l’introduzione di preservativi, dental dam e occhiali sul set dei film porno.

– Camerun: due attentatori suicidi si sono fatti esplodere in un mercato di Meme, nel nord del Camerun, uccidendo almeno 19 persone e ferendone altre 50. Il numero dei morti è destinato a crescere secondo quanto si apprende dalle autorità locali. 

Libia: oltre 40 miliziani sono morti in un attacco aereo condotto dagli Stati Uniti contro un campo di addestramento del sedicente stato islamico nei pressi della città libica di Sabratha, nel quartiere di Qasr Talil. 

– Siria: Medici senza frontiere ha annunciato che non renderà nota la posizione gps dei suoi ospedali in Siria, sia con il governo di Bashar al-Assad che con gli alleati russi, a causa dei ripetuti attacchi subiti. 

– Stati Uniti: è morta oggi, 19 febbraio 2016, la scrittrice statunitense Harper Lee, autrice del celebre romanzo Il buio oltre la siepe. Aveva 89 anni ed è morta nella sua città natale, Monroeville, nello stato federale americano dell’Alabama.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus