Me

Attacco contro una clinica in Afghanistan in un’area controllata dai Taliban

La struttura medica è gestita da un'organizzazione umanitaria svedese. Tre persone sono state uccise in un presunto raid delle forze governative

Immagine di copertina

Due pazienti e un assistente sono rimasti uccisi dopo una presunta incursione notturna delle forze armate afghane contro una clinica nel villaggio di Tangi Saidan, a sudovest di Kabul, un’area perlopiù controllata dai Taliban.

L’attacco contro la struttura medica, gestita dall’organizzazione umanitaria Comitato svedese per l’Afghanistanè avvenuto mercoledì 17 febbraio 2016. L’Ong ha chiesto alle autorità locali della provincia di Wardak che i responsabili vengano puniti.

“Questo attacco costituisce una grave violazione dei principi umanitari e della Convenzione di Ginevra che tutti gli attori in un conflitto sono tenuti a rispettare”, ha detto Jorgen Holmstrom, direttore nazionale del Comitato.

“Le strutture e il personale medico forniscono assistenza a chiunque ne abbia bisogno e deve essere garantita la sicurezza dei pazienti come previsto dal diritto umanitario”, ha proseguito.

Il portavoce dell’amministrazione provinciale Hemat – il quale, come molti afghan, ha solo un nome – ha riferito che un’unità delle forze speciali ha condotto un’operazione nell’area di Tangi Saidan e ucciso quattro ribelli.

Ha inoltre affermato di non essere al corrente di un raid su un ospedale, ma un funzionario provinciale e alcuni testimoni locali asseriscono che il centro medico sia stato colpito.

“C’è stato un raid delle forze speciali afghane sull’ospedale nel quale di solito vengono curati i miliziani Taliban feriti”, ha detto Hasan Rasouli, membro del consiglio provinciale di Wardak. Egli ha riferito anche che quattro ribelli sono stati uccisi mentre un quinto uomo è stato catturato.

Un portavoce del ministero della Difesa afghano ha detto di non avere alcuna notizia di un’operazione condotta nell’area. Un portavoce del ministero dell’Interno ha invece affermato che è stata condotta un’operazione contro i Taliban a Wardak, ma che essa non ha riguardato un ospedale.

I Taliban hanno dichiarato che l’attacco è stato condotto dai soldati della coalizione guidata dagli Stati Uniti ma un portavoce della Nato ha fatto sapere dal quartier generale della missione Resolute Support a Kabul che non è stata condotta alcuna operazione da parte di forze internazionali in quella zona.

“Al momento non abbiamo ricevuto alcun rapporto di attività operative condotte dalla coalizione o dagli Stati Uniti nelle vicinanze di una struttura ospedaliera [nella provincia di] Wardak”, ha detto il direttore degli affari pubblici della missione, il colonnello dell’esercito Michael Lawhorn.

L’incidente si è verificato a meno di cinque mesi dal raid aereo americano su un ospedale nella città settentrionale di Kunduz, gestito da Medici senza frontiere, che ha ucciso 42 persone.

Un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato questa settimana segnala che 11 mila civili sono stati uccisi o feriti in Afghanistan nel corso del 2015. Circa il 17 per cento di essi sono stati colpiti dalle forze filo-governative.