Me
Gli animali selvatici invadono le grandi città europee in segno di tolleranza
Condividi su:

Gli animali selvatici invadono le grandi città europee in segno di tolleranza

Un fotografo lituano ha ideato dei fotomontaggi inserendo zebre, elefanti e ippopotami sullo sfondo di grandi città

10 Feb. 2016

Il fotografo lituano Ceslovas Cesnakevicius nel corso del
2015 ha avuto occasione di visitare a distanza di pochi giorni sia Amsterdam che Londra. 

Cresciuto in un paese ex sovietico, in cui, ha raccontato lo stesso Cesnakevicius, “chiunque si staccasse dalla massa grigia poteva
essere legalmente messo ai margini o addirittura perseguitato dallo stato”, si
è stupito del mix culturale e di stili riscontrato nelle due grandi metropoli. 

Dall’impatto con queste due città abitate e visitate da persone di ogni genere, spesso stravaganti e fuori dal comune, è nato il suo progetto fotografico, intitolato The Zoo. Con estro e fantasia, il giovane fotografo ha pensato che in un melting pot di razze, mode e trasgressioni lontane dalla normalità, anche un animale selvatico potesse comunque vivere e integrarsi in quel contesto. 

Cesnakevicius ha quindi sviluppato questo pensiero
traducendolo in immagini. Ha così creato dei fotomontaggi incorporando le foto di animali selvatici presenti negli zoo con lo sfondo delle grandi città europee 
come Londra, Amsterdam, Parigi, Barcellona e Berlino. 

Zebre, elefanti e ippopotami si mescolano pertanto ai passanti affaccendati nelle loro preoccupazioni giornaliere, come se ciò rappresentasse la normalità.

L’intento del fotografo, attraverso questo progetto, è stato quello di dare un messaggio di tolleranza e di integrazione universale, con la speranza che le nuove generazioni non debbano crescere in ambienti dove la diversità viene percepita come qualcosa da mettere all’angolo o da condannare. Su TPI le foto del progetto The Zoo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus