Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

I primi moto-taxi guidati da donne per sole donne in India

Due indiani hanno lanciato il primo servizio di moto-taxi per sole donne. Gli scooter sono tutti rosa e le conducenti hanno in dotazione uno spray al peperoncino

Immagine di copertina

Gurgaon è una città indiana che conta oltre due milioni di abitanti. Si trova a sud della capitale Nuova Delhi e ospita gli uffici di diverse aziende, dalle grandi multinazionali alle startup locali. 

In questo brulicare di attività c’è una cosa che manca: un efficiente sistema di trasporti. I pendolari viaggiano su risciò, taxi e moto-taxi. Molti usano applicazioni per smartphone come Uber.

Ma i servizi offerti da Uber sono spesso troppo cari per le brevi distanze. Non solo. Nel dicembre del 2014, uno degli autisti affiliati a Uber ha stuprato una donna, sollevando la questione dell’affidabilità del servizio e dei controlli sui conducenti.

Sebbene i moto-taxi siano il mezzo più agile e rapido nel traffico di Gurgaon, le passeggere si trovano spesso a disagio nel salire sul sedile posteriore di un conducente uomo. Lo stato federale indiano dell’Haryana registra una delle quote più alte di crimini contro le donne.

Per questo a Gurgaon è stato da poco inaugurato un servizio di moto-taxi per sole donne: guidati da conducenti donne per lavoratrici donne. 

L’idea si deve a Divya Kalia. Un giorno, la donna si è fermata davanti a una delle stazioni della metro Gurgaon e ha chiesto a centinaia di pendolari di passaggio se avrebbero gradito un servizio di moto-taxi per sole donne. Molte di loro hanno risposto di sì.

Così, a metà gennaio del 2016, Kalia e il marito Mohit Sharma hanno lanciato la Bikxie Pink.

La Bikxie Pink recluta e forma conducenti donne per i cinque scooter a disposizione, e offre un servizio che può essere richiesto attraverso un’applicazione. Attraverso l’app c’è anche la possibilità di fare richieste di aiuto.

La corsa costa cinque rupie al chilometro (circa 7 centesimi di euro) e il servizio è disponibile tra le 8:00 e le 18:00. In media, ogni conducente svolge 12 corse al giorno.

Oltre a fornire un servizio cui le passeggere si affidano con fiducia, la Bikxie Pink offre lavoro ad altre donne. Secondo Sharma, amministratore della Bikxie, è un modo di emancipare le donne.

Altre due compagnie, M-Taxi e Baxi, potrebbero presto seguire l’esempio di Bikxie Pink e assumere conducenti donne per passeggeri donne.

Tuttavia, i moto-taxi sono stati autorizzati sono negli stati dell’Haryana e di Goa finora. La legge sui veicoli a motore, infatti, non consente che mezzi a due ruote siano usati come taxi.

“Una volta che la legge sarà emendata, apriremo delle filiali a Bangalore e Delhi,” ha dichiarato Sharma.

Quando questo avverrà, “ci libereremo dell’angosciante esperienza che le donne vivono quando usano il trasporto pubblico”, ha aggiunto Kalia.

Due note di colore: gli scooter di Bikxie Pink sono, come il nome suggerisce, tutti rosa e le conducenti hanno in dotazione uno spray al peperoncino.