Me

Come è andato il Family Day

Si è svolta al Circo Massimo la manifestazione contro il Ddl Cirinnà. Secondo gli organizzatori in piazza due milioni di persone, secondo alcuni media circa 80mila

Immagine di copertina

Sabato 30 gennaio migliaia di persone provenienti da tutta Italia si sono radunate al Circo Massimo, a Roma, per protestare contro il Ddl Cirinnà, la proposta di legge che prevede la possibilità di unirsi civilmente alle coppie omosessuali e la cosiddetta stepchild adoption, ovvero l’adozione del figlio di un membro di una coppia omosessuale da parte anche del compagno.

Questa manifestazione è stata convocata con il nome di Family Day.

“La famiglia tradizionale è costituita da un uomo e una donna. Non possiamo privare un bambino dal diritto ad avere una madre e un padre”, ha riferito un manifestante alla BBC.

A promuovere la manifestazione sono stati numerosi esponenti del mondo cattolico e vicini ai temi della famiglia: tra questi, il neocatecumenale Massimo Gandolfini, il giornalista ed ex deputato Mario Adinolfi e l’organizzazione in difesa della famiglia La Manif pour tous.

Alla manifestazione non hanno preso parte numerose organizzazioni cattoliche storicamente sensibili al tema della famiglia, come Comunione e Liberazione, i Focolari e l’Azione Cattolica.

Al termine della manifestazione, è nata una vera e propria guerra sui numeri della partecipazione: secondo gli organizzatori hanno partecipato due milioni di persone, secondo diversi giornalisti che hanno partecipato all’evento le persone erano invece circa 300mila mentre numerosi media hanno riportato che a partecipare sarebbero state solamente 80mila persone.