Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il più antico monastero cristiano in Iraq distrutto dall’Isis

Resta solo un cumulo di macerie del luogo di culto dedicato a Sant'Elia situato vicino la città di Mosul nel nord dell'Iraq

Immagine di copertina

Il più antico monastero cristiano in Iraq è stata ridotto a un cumulo di macerie dall’Isis.

Per 1.400 anni il complesso situato su una collina vicino alla città di Mosul, nel nord dell’Iraq, era sopravvissuto alle aggressioni della natura e degli uomini.

Ma le foto satellitari ottenute dall’agenzia di notizie Associated Press (Ap) hanno confermato che il monastero di S. Elia di Mosul è stato completamente raso al suolo, presumibilmente tra l’agosto e il settembre 2014.

(Una foto satellitare pubblicata da Ap del complesso prima e dopo la distruzione)

Il complesso si aggiunge alla lista di più di cento siti di interesse storico distrutti dall’Isis in Siria, tra cui i resti archeologici della città di Palmyra, e in Iraq. Musei e antiche biblioteche sono stati saccheggiati e i beni sono stati venduti dai miliziani del sedicente Stato islamico.

“Una parte importante di storia tangibile è stata distrutta”, ha detto il reverendo Yousif Boji, che ora vive a Southfield, Michigan, ma che è stato in seminario a Mosul.