Me

Le donne del Senegal che lottano contro il cambiamento climatico

Un progetto del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo supporta la cooperativa femminile Sisters United, impegnata a coltivare riso su terreni degradati

Immagine di copertina

Nello stato africano del Senegal, il cambiamento climatico rappresenta una sfida molto importante per il settore agricolo: temperature medie più elevate, aumento della siccità e persistente mancanza di pioggia stanno avendo un impatto grave sulla sicurezza alimentare del paese.

La cooperativa Sisters United si occupa di coltivare una varietà di riso ad alto rendimento che matura in sessanta giorni, su terreni degradati che sono stati bonificati e lavorati in maniera collettiva. Coltivare il riso nei campi vicino a casa significa per le donne investire una parte minore del reddito nell’acquisto di cibo, gestire la terra in modo indipendente dagli uomini, ed essere meglio preparate ad affrontare temperature più elevate e le siccità causate dal cambiamento climatico.

Le donne senegalesi, che tradizionalmente svolgono i lavori agricoli nei rispettivi nuclei familiari, spesso non possiedono la terra che lavorano. Per affrontare questi problemi, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (Ifad) ha finanziato il Progetto di Supporto alle Filiere Agricole (Agricultural Value Chains Support Project – Pafa).

Il progetto investe nella resilienza dei sistemi di produzione agricola all’impatto del cambiamento climatico, assicurando la disponibilità di acqua e di input produttivi. Allo stesso tempo, il progetto sostiene la responsabilizzazione economica e la leadership della popolazione femminile attraverso il partenariato con cooperative agricole guidate da donne.

Una rassegna di immagini a cura di Christopher Neglia racconta questa iniziativa.