Me

Uomo armato ucciso a Parigi, cercava di entrare in una stazione di polizia

L'incidente avviene a un anno dalla strage di Charlie Hebdo del 7 gennaio 2015

Immagine di copertina

Un uomo armato di coltello è stato ucciso dalla polizia mentre cercava di entrare in una stazione della polizia nel nord di Parigi.

Secondo quanto riportato dal quotidiano francese Le Monde, che cita un portavoce del ministero dell’Interno francese, si sospetta che l’uomo avesse indosso anche una cintura esplosiva, che la polizia ha poi stabilito essere falsa.

Fonti ufficiali francesi hanno fatto sapere che l’uomo avrebbe gridato “Allahu Akbar!” fuori dalla stazione di polizia di Goutte d’Or vicino a Montmartre.

La giornalista del New York Times Anna Polonyi ha diffuso sul suo profilo Twitter un’immagine che mostra un robot in cerca tracce di esplosivo sul corpo dell’uomo.

Secondo quanto reso noto dagli inquirenti, l’uomo teneva in una tasca un pezzo di carta con una rivendicazione del gesto da parte dell’Isis, ma la sua veridicità non è in alcun modo dimostrata per il momento.

L’episodio si è verificato nel giorno della sparatoria contro la redazione del settimanale Charlie Hebdo, avvenuta a Parigi il 7 gennaio del 2015.

Il presidente francese Francois Hollande oggi, 7 gennaio 2016, ha tenuto in discorso per commemorare le vittime della strage alla redazione di Charlie Hebdo.

Il capo di stato francese ha detto che verranno dispiegati altri 5mila agenti di polizia sul territorio francese e verranno creati 2mila nuovi posti di lavoro nell’intelligence francese impegnata nella lotta al terrorismo.