Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Raggiunto un raro accordo tra ribelli e governo in Siria per l’evacuazione di tre importanti città

Si tratta dei centri di Zabadani, Fuaa e Kefraya. L'intesa è stata raggiunta grazie al sostegno delle Nazioni Unite

Immagine di copertina

È iniziata in Siria l’evacuazione di tre città in seguito a un raro accordo raggiunto tra i gruppi ribelli e il governo di Bashar al-Assad. Circa 450 tra combattenti e civili, inclusi i feriti, hanno iniziato ad abbandonare i centri nella giornata di lunedì 28 dicembre 2015.

Più di 120 combattenti stanno lasciando la città di Zabadani, che è l’ultimo bastione dei ribelli al confine tra Siria e Libano, per dirigersi, attraversando il Libano e la Turchia, verso altre zone controllate dai ribelli. La città si trova in una zona controllata dalle forze filo-governative ed era sotto assedio.

Circa 335 persone tra civili e combattenti fedeli al governo di Bashar al-Assad, stanno invece abbandonando i centri sciiti di Fuaa e Kefraya nel nordovest della provincia di Idlib. Le due cittadine erano circondate dai ribelli e in questo modo i filo-governativi potranno tornare all’interno di aree controllate dal governo di Assad, sempre attraversando il Libano e la Turchia. 

L’accordo è stato promosso dalle Nazioni Unite e la notizia è stata diffusa dall’Osservatorio siriano per i diritti umani.