Me

Un milione di bambini non va più a scuola a causa di Boko Haram

Più di 2000 scuole hanno chiuso in Nigeria e nei paesi confinanti a causa della guerra condotta dal gruppo islamista

Immagine di copertina

Circa un milione di bambini sono stati costretti ad abbandonare la scuola a causa degli attacchi di Boko Haram nel nordest della Nigeria e nei paesi vicini. I dati sono stati diffusi dal Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef) martedì 22 dicembre.

L’Unicef ha documentato la chiusura di oltre 2.000 scuole in Nigeria, Ciad, Niger e Camerun a causa delle violenze in corso. Centinaia di altri edifici scolastici sono stati attaccati, saccheggiati o bruciati da Boko Haram, il cui nome può essere tradotto approssimativamente dalla lingua hausa con “l’educazione occidentale è proibita”.

“Il conflitto è stato un duro colpo per l’istruzione nella regione e la violenza ha tenuto molti bambini lontano dalle aule per più di un anno, mettendoli a rischio di un completo abbandono scolastico”, ha detto Manuel Fontaine, direttore dell’Unicef per l’Africa occidentale e centrale.

Fontaine ha definito “sbalorditiva” la cifra di un milione di bambini che non vanno a scuola, il direttore dell’Unicef ha poi sottolineato come sia aumentato per i bambini il rischio di essere “abusati, rapiti e reclutati dai gruppi armati”.

I bambini sono stati particolarmente presi di mira da Boko Haram e sono stati spesso vittime di abusi sessuali, matrimoni forzati, rapimenti e omicidi brutali. Terrorizzate dalle violenze molte famiglie stanno mantenendo i loro bambini lontano dalle aule scolastiche.

“Molti genitori nel nordest non mandano i figli a scuola perché hanno paura di quello che potrebbe accadergli”, ha spiegato ad Al Jazeera, Hafsat Maina Muhammed, direttore dell’organizzazione non governativa Choice for Peace Gender and Development.

L’insicurezza e la minaccia di attacchi tengono anche molti insegnanti lontano dalle aule. Nella sola Nigeria, circa 600 insegnanti sono stati uccisi dall’inizio della rivolta Boko Haram nel 2009.

“So che molti insegnanti che non stanno insegnando perché temono per la loro vita”, spiega il professor Mohammed Kyari dell’Università tecnologica Modibbo Adama di Yola.

Nel complesso, spiega Mohammed Kyari, in Nigeria, il paese più popoloso dell’Africa, circa 10,5 milioni di bambini non vanno a scuola in Nigeria e 9,5 milioni provengono dalla parte settentrionale del paese.

“La Nigeria è seconda solo al Pakistan nel numero di bambini non scolarizzati”, ha detto ad Al Jazeera il professor Mohammed Kyari.

Dall’inizio delle violenze di Boko Haram nel 2009 circa 20mila persone sono state uccise, mentre gli sfollati sono stati circa 2,3 milioni.

Più di 800.000 bambini sono stati costretti ad abbandonare le loro case a causa del conflitto, cercando rifugio nelle case di parenti, in edifici abbandonati o in centri di accoglienza.