Me

Cosa è successo il 27 novembre nel mondo

Senza giri di parole

Immagine di copertina

Almeno 21 persone sono morte a causa di un attacco suicida durante una processione sciita a Zaria, nel nord della Nigeria.

– Francia e Russia hanno annunciato che si scambieranno informazioni sull’Isis per migliorare l’efficacia dei raid aerei in corso in Siria. 

– Il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto di poter avere una mappa della posizione delle forze ribelli in Siria, per essere sicuro di indirizzare i raid solamente contro obiettivi dell’Isis.

– La Francia ha commemorato le vittime degli attacchi di venerdì 13 novembre a Parigi con una cerimonia a Les Invalides a cui ha presenziato anche il presidente François Hollande.

– La Russia ha minacciato di attuare sanzioni economiche contro la Turchia non avendo ancora ottenuto spiegazioni in merito all’abbattimento dell’aereo da guerra al confine con la Siria.

– La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha condotto 18 attacchi aerei contro l’Isis in Iraq. 

– La polizia tedesca ha arrestato a Stoccarda un presunto trafficante d’armi che avrebbe venduto fucili d’assalto ai terroristi di Parigi.

– L’Isis ha rivendicato l’attacco di giovedì 26 novembre contro una moschea sciita nel nordovest del Bangladesh. 

– A dicembre le donne dell’Arabia Saudita potranno votare per la prima volta nella storia e candidarsi alle elezioni comunali.

– Amnesty International ha lanciato l’allarme riguardo alle gestione turca dei migranti. Almeno 80 rifugiati siriani sarebbero stati rimpatriati, nonostante le leggi internazionali vietino di rimandare nel Paese di provenienza coloro che provengono da nazioni in guerra.

– A ottobre 2015 il Giappone ha registrato un tasso di disoccupazione pari al 3,1 per cento, il più basso da 20 anni. 

– Guo Feixiong, uno degli attivisti più conosciuti in Cina, è stato condannato a sei anni di carcere per aver partecipato a una protesta contro la censura nel 2013.

– Uno dei fondatori del gruppo estremista pachistano Lashkar-e-Jhangvi (LeJ) è stato ucciso a Lahore, nel nordest del Pakistan, mentre era sotto la custodia della polizia.

– Nel Regno Unito una gang di trafficanti di droga è stata condannata perché avrebbe trasportato dai Paesi Bassi cocaina ed eroina per un valore pari a 1,6 miliardi di sterline tramite alcune ambulanze.

– I migranti cubani hanno creato una fitta rete di informazioni da scambiarsi lungo il loro viaggio della speranza verso gli Stati Uniti per non essere raggirati dai trafficanti di uomini.

Sono sei i maggiori ricercati al mondo e sono per la maggior parte terroristi. La taglia più alta è quella offerta dalla Russia per la cattura degli estremisti che hanno abbattuto l’Airbus russo il 31 ottobre.

Segui TPI su Twitter (@tpi)  

Iscriviti alla newsletter