Me
Che cos’è il Single Day, la giornata dello shopping cronico cinese
Condividi su:

Che cos’è il Single Day, la giornata dello shopping cronico cinese

L'11 novembre in Cina i cuori solitari festeggiano il giorno a loro dedicato approfittando di altissimi sconti sui siti di acquisti online

11 Nov. 2015

L’11 novembre in Cina si festeggia il Single Day, l’equivalente del nostro 15 febbraio, una giornata dedicata ai cuori solitari, istituita negli anni Novanta dagli studenti dell’università di Nanchino, nell’est del Paese.

Se nei primi anni le persone non fidanzate o sposate approfittavano della data – scelta per la presenza di quattro uno, il numero dei single – per uscire a cena con gli amici, organizzare karaoke riservati ai non accoppiati o accettare incontri al buio sperando di non poter festeggiare l’11 novembre dell’anno successivo, dal 2009 le cose sono cambiate.

Il colosso della vendita online Alibaba ha deciso di approfittare della particolare ricorrenza per lanciare una giornata di shopping compulsivo garantendo sconti altissimi per tutte le 24 ore del Single Day.

(Qui sotto nella foto: la data 11 novembre rappresentata con quattro uno)

La decisione è stata accompagnata da un’operazione di marketing ben congegnata e da pubblicità accattivanti ed efficaci, grazie a cui i cittadini cinesi sono venuti a conoscenza del progetto, annotandosi la data sul calendario.

Quest’anno, nei primi 90 minuti dopo la mezzanotte, Alibaba ha accumulato un totale di cinque miliardi di vendite, di cui il 72 per cento effettuate da smartphone.

Il servizio postale cinese ha preventivato di dover consegnare nella giornata dell’11 circa 760 milioni di pacchi, ossia oltre il 50 per cento in più rispetto al 2014. Alibaba ha stimato la necessità di 1,7 milioni di fattorini, 400mila veicoli e 200 aerei per far fronte alle consegne. 

Dal 2009, gli acquisti effettuati sulla piattaforma Alibaba sono aumentati del 640 per cento con oltre 42mila marchi da 20 Paesi di tutto il mondo, che hanno partecipato all’evento ogni anno.

Il Single Day infatti è un fenomeno che trascende i confini della Cina sia per quanto riguarda i produttori che per gli acquirenti. Anche dall’Italia si può approfittare degli sconti sul portale di Alibaba AliExpress, dove i saldi arrivano fino al 50 per cento del prezzo di listino.

La giornata dei single ha superato in termini di incasso sia il Black Friday statunitense – la giornata di shopping che cade il primo lunedì dopo il Giorno del Ringraziamento  che il Cyber Monday – il lunedì dedicato alle compere prenatalizie di oggetti tecnologici.

Nel 2014 le vendite sulla piattaforma Alibaba hanno toccato una cifra equivalente a 8,4 miliardi euro, un incasso quattro volte superiore a quello del Cyber Monday

(Qui sotto nel grafico della Bbc: il confronto tra gli incassi del Single Day cinese e del Cyber Monday statunitense negli anni

Quest’anno si prevede che la cifra guadagnata dalla piattaforma e-commerce si aggirerà intorno ai 9,3 miliardi di euro, con una media di 260 euro spesi da ogni singolo acquirente. Alibaba ha infatti incrementato enormemente il numero di prodotti disponibili all’acquisto, passando da un milione del 2014 ai sei milioni del 2015. 

La vendita al dettaglio cinese sta aumentando considerevolmente e secondo le stime dovrebbe superare quella statunitense entro il 2018, diventando la più importante al mondo. 

Il mercato del Paese è in continua crescita. In Cina, infatti, circa 600 milioni di persone utilizzano internet, contro i 277 milioni nel nord America e i 546 milioni in Europa, e ognuno di loro potrebbe potenzialmente diventare un acquirente di prodotti online. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus