Me
La verità dietro alle foto su Instagram di una blogger diciottenne
Condividi su:

La verità dietro alle foto su Instagram di una blogger diciottenne

Essena O’Neill, dopo anni di attività sui social network, si pente di aver vissuto una realtà virtuale basata sul consenso degli utenti del web

05 Nov. 2015

“Ci sono voluti più di 100 scatti in posa per cercare di far apparire bella la mia pancia. Quel giorno avevo mangiato a malapena e urlavo alla mia sorellina di continuare a fotografarmi, finché il risultato non sarebbe stato decente”.

Essena O’Neill ha 18 anni e fino ai primi di novembre era una tra i blogger australiani più seguiti, con una vera e propria ossessione per i social network di ogni genere. Poteva vantare oltre mezzo milione di follower su Instagram e 250mila utenti iscritti al suo canale Youtube. Ora ha deciso di chiudere tutti i suoi profili pubblici e concentrarsi su di sé.

Durante gli anni delle superiori, Essena ha costruito un vero e proprio impero basato sull’apprezzamento che gli utenti del web mostravano dell’immagine che lei stessa aveva creato attraverso Instagram e Youtube. La vita artificiosa che si era costruita la stava consumando, impedendole di trascorrere una normale adolescenza.

(Qui sotto nella foto: Essena O’Neill nella posa perfetta ottenuta dopo un centinaio di tentativi, fotografata dalla sorella minore)

La celebrità che si era creata con le sue mani le aveva procurato i contatti di sponsor e marchi importanti, che la finanziavano per apparire nei suoi scatti indossando gli abiti che le venivano regalati. Oltre a quello, aveva iniziato a lavorare come modella a Los Angeles, negli Stati Uniti.

Nell’ultimo video pubblicato sul suo canale Youtube, ora chiuso, Essena si è mostrata senza trucco e in lacrime e ha svelato tutto ciò che si celava dietro la sua carriera nel mondo del web: “Voglio che le ragazze più giovani sappiano che non si trattava di una vita trasparente, entusiasmante o da prendere a modello. Era una perfezione artificiale, creata per attirare l’attenzione”.

Essena ha messo a nudo tutte le sue paure, affermando di essere una persona profondamente insicura, che ha usato il proprio corpo per essere accettata dagli altri, contando ogni singolo like alle proprie foto e vivendo di quella superficiale soddisfazione.

La blogger rivela che ogni “fotografia spontanea” era in realtà il prodotto di un centinaio di scatti realizzati da sola o dai propri amici, per apparire sempre più bella e più magra.

(Qui sotto nella foto: “Soffrivo d’acne quando ho scattato questa foto. Sorridevo perché pensavo di apparire carina. La felicità basata sull’estetica può soffocare le tue potenzialialità”)

“Per favore, mettete ‘mi piace’ a questa foto. Mi sono truccata, mi sono fatta i capelli ricci, ho scelto un vestito aderente, gioielli pesanti e scomodi… Ci sono voluti più di 50 scatti per ottenere quello che pensavo vi potesse piacere. Poi ho modificato la fotografia con i filtri di tantissime applicazioni, solo per avere la vostra approvazione”. Questi erano i pensieri da social media-dipendente della blogger. 

Essena rivela di essersi sottoposta a diete massacranti e a molte ore di esercizi per mantenersi in forma per i social network e di aver dedicato più di 50 ore a settimana per curare la propria immagine virtuale. 

Nonostante abbia eliminato più di 2mila foto pubblicate su Instagram e si stia dedicando a un nuovo stile di vita, il giudizio del web sembra pesare ancora sulla sua testa. Dopo l’apertura del suo sito di denuncia Let’s be Game Changers – cambiamo le regole dei giochi – in molti l’hanno accusata di aver modificato ad arte il suo personaggio solo per attirare ancora di più l’attenzione degli utenti virtuali.

(Qui sotto nel video: Essena O’Neill nel filmato in cui dice addio ai social media)

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus