Me
Il video dell’attacco all’autista di Uber in California
Condividi su:

Il video dell’attacco all’autista di Uber in California

Edward Caban è riuscito a filmare il momento in cui un suo passeggero ha deciso di aggredirlo per aver terminato la corsa senza averlo portato a destinazione

03 Nov. 2015

A volte guidare un taxi di notte può essere molto pericoloso, specie se si ha la sfortuna di avere a bordo un passeggero ubriaco e molesto. Un autista di Uber, un servizio di trasporto a metà tra il servizio taxi e il noleggio di una macchina privata, è stato aggredito dal suo passeggero a Newport Beach, in California.


Tutto è cominciato quando Edward Caban ha fatto salire a bordo della sua macchina un giovane completamente ubriaco. Il ragazzo non è riuscito a chiarire la destinazione che doveva raggiungere e ha detto che avrebbe dato indicazioni all’autista mentre guidava.


Nonostante le numerose sollecitazioni, non c’è stato nulla da fare. Il ragazzo a malapena riusciva a biascicare parole sensate e continuava a perdere e riprendere conoscenza.

Caban, insospettito dal linguaggio e dal comportamento sempre più aggressivo del ragazzo, ha impugnato uno spray al peperoncino e girato la telecamera che teneva accesa sul cruscotto verso loro, non più verso la strada.


Caban ha poi accostato la macchina e chiesto al ragazzo di scendere perché troppo ubriaco per dare indicazioni coerenti. 
Il ragazzo ha risposto colpendolo violentemente in volto, tirandogli i capelli e cercando di sbattergli la testa contro il finestrino.

L’autista è riuscito a spruzzarlo con lo spray ed è poi sceso dalla macchina mentre chiamava la polizia.

L’aggressore sarebbe stato arrestato.

“Noi autisti di Uber siamo pagati troppo poco per dover affrontare questa merda”, ha detto Caban dopo l’attacco.

(Qui sotto il video dell’accaduto postato sul canale Youtube di Edward Caban. Al minuto 3:15, l’aggressione)

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus