Me

Uno dei riti più antichi di Cuba

Le immagini del culto della Santeria a Cuba del fotografo brasiliano Alexandre Meneghini

Immagine di copertina

L’odore d’incenso misto al profumo del sigaro, suoni ritmati e travolgenti, bambole rituali e altari rudimentali: sono le immagini del culto della Santeria a Cuba catturate dal fotografo brasiliano Alexandre MeneghiniLa Santeria, conosciuta come Regla de Ocha, è tra le credenze più antiche dell’isola. Portata nel Paese dagli schiavi dell’Africa occidentale, questa religione si è gradualmente fusa a quella dei padroni.

La commistione tra cattolicesimo e antichi riti africani caratterizza il culto, che però non è riconosciuto dal Vaticano. “Il cattolicesimo è presente in tutti gli aspetti della Santeria”, racconta Niurka Mola, 50 anni, nonna della Santeria e dichiaratamente cattolica praticante.

Il 60 per cento della popolazione cubana su un totale di 11 milioni di persone è battezzata, secondo i dati forniti dalla Chiesa cattolica, anche se è vero che una parte dei cattolici di Cuba sembrano credere anche alla Santeria o praticano altre religioni di origine africana. Per molti credere a entrambe non è in contraddizione. D’altra parte, come dice Mola, tutte e due le credenze hanno lo scopo di “avvicinare a Dio”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus