Me
Gli Stati Uniti contro la risoluzione Onu che condanna l’embargo a Cuba
Condividi su:

Gli Stati Uniti contro la risoluzione Onu che condanna l’embargo a Cuba

Nonostante il miglioramento delle relazioni tra Barack Obama e Raul Castro, il voto Usa all'Onu non cambia per il ventiquattresimo anno di seguito

28 Ott. 2015

Gli Stati Uniti hanno votato contro la risoluzione delle Nazioni Unite che condanna l’embargo a Cuba e sono stati gli unici contrari insieme a Israele. 

Nonostante il presidente statunitense Barack Obama e il leader cubano Raul Castro abbiano ristabilito le relazioni diplomatiche tra i due paesi il 17 dicembre scorso, il voto degli Stati Uniti sulla risoluzione proposta da Cuba all’Assemblea generale delle Nazioni Unite non è mutato per il ventiquattresimo anno di seguito.

Gli Stati Uniti avevano preso in considerazione per la prima volta l’ipotesi dell’astensione, soprattutto in seguito all’esortazione di Obama al Congresso di rimuovere le restrizioni commerciali su Cuba. Ma alla fine hanno votato contro.

Il vice ambasciatore statunitense Ronald Godard ha motivato la sua bocciatura della risoluzione spiegando che “il governo cubano è in errore se pensa che questo sia un passo in avanti per la normalizzazione delle relazioni”.

Secondo il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez, invece, essendo l’embargo posto dagli Stati Uniti un atto unilaterale, esso dovrebbe essere rimosso unilateralmente, senza chiedere nulla in cambio.

La risoluzione proposta da Cuba sulla condanna dell’embargo è stata adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con 191 voti favorevoli e due contrari.

— Leggi anche: Ha riaperto l’ambasciata americana a Cuba dopo 54 anni. Il reportage di Davide Lerner dall’Avana 

Cosa è successo tra Cuba e Stati Uniti da dicembre 2014 a oggi, senza giri di parole 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus