Me
I video della ragazza afroamericana picchiata in una scuola superiore da un poliziotto
Condividi su:

I video della ragazza afroamericana picchiata in una scuola superiore da un poliziotto

Un agente della polizia in servizio presso una scuola superiore del South Carolina ha aggredito una studentessa che stava disturbando e che non voleva lasciare la classe

28 Ott. 2015

Lunedì 26 ottobre un poliziotto in servizio presso una scuola superiore dello stato americano del South Carolina, negli Stati Uniti, ha picchiato una ragazza afroamericana. L’ha scaraventata a terra e poi l’ha trascinata in giro per la classe.

Il video mostra la ragazza che viene avvicinata dall’agente e successivamente aggredita brutalmente. Il poliziotto si è giustificato, dicendo che la ragazza stava disturbando e si è rifiutata di lasciare la classe.

L’agente era stato dislocato all’interno della Spring Valley High School di Columbia, la più importante città dello stato americano del South Carolina, per la sicurezza interna degli studenti.

La scena è stata ripresa in un video da un compagno di classe della ragazza. È stata aperta un’indagine e il poliziotto intanto è stato sospeso.

Negli ultimi mesi si sono registrati diversi casi di violenza brutale da parte della polizia nei confronti di donne e uomini afroamericani, alcuni dei quali sono sfociati in omicidi.

Una giornalista ha raccolto le loro ultime frasi prima di essere uccisi dalla polizia, da Amadou Diallo a Michael Brown.

– Leggi anche: a Ferguson, nello stato americano del Missouri, il 67 per cento della popolazione è di origine afroamericana, ma solo 1 dei membri del Consiglio comunale è nero 

– Leggi anche: la storia dell’abbraccio tra un manifestante afroamericano di 12 anni e un poliziotto bianco negli Stati Uniti 

Il video del The Guardian 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus