Me
Linee guida per la carne e il cancro
Condividi su:

Linee guida per la carne e il cancro

Due video illustrano in modo semplice e chiaro cosa e quanto è cancerogeno tra le carni lavorate

28 Ott. 2015

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha inserito la carne lavorata all’interno del gruppo 1 delle sostanze che causano il cancro a pericolosità più alta. Anche la carne rossa, se mangiata ripetutamente e in quantità esagerate, non fa bene: l’Oms la considera appartenente al gruppo 2a e quindi “probabilmente cancerogena“.

Improvvisamente, sul web e in tv, è iniziata una campagna contro le carni processate e più in generale contro la carne rossa. Il consumo superiore a 50 grammi al giorno di carni processate aumenta il rischio di carcinoma del colon-retto del 18 per cento. Questo è un fatto, ma se siete ancora confusi su cosa e quanto mangiare due video illustrano quanto e cosa è cancerogeno tra le carni lavorate.

Per carni lavorate si intende quel tipo di carne che è stato modificato per migliorarne la conservazione o il sapore attraverso processi di salatura, fermentazione, affumicatura o con altri metodi. Esempi di carne processata sono gli insaccati, i wurstel, le salsicce e le carni in scatola.

Qui alcune cose utili da sapere sul rapporto tra carni lavorate e cancro, e le differenze sostanziali con il fumo

Un video del The Guardian 

Un video di Time magazine 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus