Me

L’Iran invitato per la prima volta a partecipare ai negoziati per la pace in Siria

Gli Stati Uniti hanno riferito di aver invitato, per la prima volta, Teheran a partecipare ai negoziati sulla risoluzione del conflitto civile siriano

Immagine di copertina

Per la prima volta i rappresentanti dell’Iran sono stati invitati dagli Stati Uniti a partecipare ai colloqui internazionali sul futuro della Siria.

Il prossimo incontro su questo tema si terrà giovedì 29 ottobre a Vienna, in Austria, e vedrà la partecipazione del segretario di Stato americano John Kerry, del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e di rappresentanti di diversi stati europei e arabi.

I colloqui hanno l’obiettivo di porre fine al conflitto civile siriano, iniziato nel 2011, che finora ha causato la morte di oltre 250mila persone e 11 milioni di sfollati.

Secondo gli Stati Uniti, la fine del governo di Assad è imprescindibile per trovare un qualsiasi accordo di pace in Siria, mentre la Russia è di avviso opposto, e lo considera un alleato chiave per poter combattere l’Isis.

L’Iran, in questo scenario, è molto vicina sia ad Assad che alla Russia, e il coinvolgimento di Teheran è per questa ragione un importante segnale nell’ambito dei colloqui di pace sulla Siria.

In realtà è da molto tempo che gli Stati Uniti si dicono disponibili ad aprire il negoziato anche all’Iran, ma solo ora questo intento è divenuto realtà, in seguito a un lungo negoziato dietro le quinte con l’Arabia Saudita, che tiene un atteggiamento ostile nei confronti dell’Iran.

Qui sotto: un video realizzato da un drone russo mostra le conseguenze di quattro anni di guerra civile a Damasco, in Siria