Me
Com’è crescere in Slovacchia
Condividi su:

Com’è crescere in Slovacchia

Le immagini della fotografa slovacca Kata Sedlak raccontano gli aspetti più intimi e spensierati dell'infanzia di due dei suoi tre figli in Slovacchia

27 Ott. 2015

Boyhood è il nome del terzo servizio fotografico dell’artista slovacca Kata Sedlak. Ha ritratto due dei suoi tre figli per raccontare l’età dell’infanzia in Slovacchia in tutta la sua spensieratezza e semplicità. Le fotografie sono state scattate durante l’estate nella loro casa di Piestany, una cittadina situata nell’ovest della Slovacchia.

I figli Oliver e Alan sono due fratelli dai caratteri opposti: uno è molto riflessivo e timido, l’altro iperattivo e chiacchierone. Gli scatti ritraggono il profondo legame tra i due, raccontando la loro quotidianità e i loro giochi. Boyhood fa parte di un progetto fotografico più ampio e articolato chiamato Family stories, con il quale Kata Sedlak ha raccontato la sua maternità. L’obiettivo è quello di catturare i momenti più intimi del nucleo familiare e di offrire allo spettatore un’occasione unica per tornare bambini, anche per un solo attimo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus