Me
Forte scossa di terremoto tra Afghanistan e Pakistan
Condividi su:

Forte scossa di terremoto tra Afghanistan e Pakistan

Il sisma di magnitudo 7,5 ha epicentro nelle montagne Hindu Kush, più di 300 i morti finora accertati

26 Ott. 2015

Un terremoto di magnitudo 7.5 ha colpito l’Afghanistan, il Pakistan e il nord dell’India alle due del pomeriggio, orario locale del Pakistan, le dieci in Italia, di lunedì 26 ottobre. Le vittime accertate finora sarebbero più di 300. Migliaia i feriti.

L’epicentro è situato in Afghanistan, 250 chilometri a nord di Kabul nelle montagne Hindu Kush. I dati sono stati riportati dall’istituto scientifico United States Geological Survey (Usgs).

La cartina con l’epicentro del sisma a 48 chilometri da Jarm in Afghanistan.

 

Il tweet di Shaimaa Khalil corrispondente della Bbc dal Pakistan.

Le scosse sono state percepite in Pakistan, a Islamabad, e a Nuova Delhi, in India. C’è stato un blackout elettrico in alcune aree di Kabul, Afghanistan, e la metropolitana di Delhi è stata bloccata in seguito al terremoto.

Il primo ministro pachistano Nawaz Sharif ha chiesto alle autorità di utilizzare tutte le risorse necessarie per salvare le vittime del disastro naturale.

Abdullah Abdullah, primo ministro afghano ha detto che si tratterebbe del sisma “più forte avvertito negli ultimi decenni”.

Dopo il terremoto sono state avvertite altre due scosse di magnitudo 4,7 e 4,8.

La scossa di terremoto in diretta sull’emittente televisiva afghana Ariana.


La regione ha una storia di forti terremoti causati dalla pressione dalla placca dell’India sull’Asia centrale.

Nel 2005 un terremoto di magnitudo 7.6 ha colpito il Kashmir causando la morte di 75mila persone.

9mila persone sono morte e 900mila abitazioni sono state danneggiate dal sisma che ha colpito ad Aprile 2015 il Nepal.

Persone in strada a Nuova Delhi in India dopo la scossa di terremoto. Credit: Reuters


Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus