Me

Il supermercato di Berlino che vende solo prodotti sfusi

Si chiama Original Uverpackt, ha aperto nel 2014 e vende alimenti senza imballaggi per ridurre lo spreco del cibo e l’impatto ecologico sull’ambiente

Immagine di copertina

Si chiama Original Unverpackt il primo supermercato di Berlino che vende solo merce sfusa. Le fondatrici sono due donne tedesche, Sara Wolf e Milena Glimbovski.

Nel 2014 hanno promosso l’idea di una vendita sostenibile contro l’inquinamento e gli sprechi alimentari. I clienti devono portare da casa contenitori e borse in cui porre i diversi alimenti che vengono pagati in base al loro peso netto.

Un’etichetta resistente all’acqua viene aggiunta a ogni confezione, in modo che il cliente possa riutilizzarla anche le volte successive. Gli oltre 500 prodotti in vendita sono per la maggior parte biologici e hanno provenienza regionale.

Le due imprenditrici tedesche vogliono rivoluzionare il modo di fare la spesa, dando la possibilità ai propri clienti di comprare solo quanto necessario, con un costo minore e al minimo impatto ecologico e ambientale. Così facendo, viene limitato il consumo di sacchetti di plastica, materiale usa e getta e vasche di polistirolo.

Original Unverpackt non è il primo supermercato a promuovere la vendita di alimenti sfusi. Ad Austin, nello stato americano del Texas, In.gredients ha aperto tre anni fa, nel 2013. 

Ogni anno è in aumento la quantità di cibo sprecato nel mondo. L’ultimo rapporto della FAO del 2014 riporta che circa un terzo della produzione alimentare viene sprecato o perso in fase di produzione o post-produzione (leggi la nostra inchiesta).

L’impatto economico e ambientale causato dallo spreco alimentare è enorme. In un anno sono state prodotte 3,5 miliardi di tonnellate di gas serra, che hanno determinato un danno pari a circa 350 miliardi di euro.

— Leggi anche: che fine fa il cibo che non mangiamo 

Lo scorso maggio una nuova legge in Francia ha proibito lo spreco di cibo nei grandi supermercati, che dovrà essere donato a organizzazioni no-profit oppure riciclato.

ANCHE IN ITALIA DOVREMMO DONARE O RICICLARE IL CIBO SCADUTO. Dopo la legge contro gli sprechi del cibo in Francia, migliaia di persone hanno firmato una petizione per introdurre il reato di spreco alimentare anche in Italia 

(Qui il video di presentazione di Original Unverpackt dove si spiega come fare la spesa nel supermercato che vende solo cibo sfuso)