Me
Le elezioni in Tanzania
Condividi su:

Le elezioni in Tanzania

Per la prima volta dopo cinquant'anni, le elezioni sono incerte: quattro gruppi d’opposizione sostengono insieme il candidato che corre contro il partito al governo

25 Ott. 2015

Oggi si vota in Tanzania per le elezioni parlamentari e presidenziali. Il partito principale rischia di perdere contro la coalizione dell’opposizione che vuole porre fine all’egemonia dello schieramento politico, al potere da 54 anni.

L’attuale presidente, Jakaya Kikwete, fa parte del partito al governo Chama Cha Mapinduzi (Ccm) non può essere rieletto perché ha raggiunto il limite massimo di due mandati concessi.

Kikwete ha chiesto che le elezioni si svolgano in modo pacifico e ha aggiunto che chiunque tenti di provocare danni e disordini verrà “giudicato di conseguenza”.

Il candidato del partito principale Chama Cha Mapinduzi (Ccm) è John Magufuli, di 55 anni, attualmente ministro del governo. Ha promesso di combattere la corruzione, creare nuovi posti di lavoro e sfruttare le risorse naturali del Paese.

Per la prima volta dopo cinquant’anni, le elezioni sono incerte: quattro gruppi d’opposizione sostengono insieme il candidato Edward Lowassa, che corre contro il partito al governo.

Lowassa, 62 anni, è il candidato di punta dell’opposizione ed è già stato primo ministro della Tanzania tra il 2005 e il 2008 sotto l’attuale presidente Kikwete. È stato coinvolto in uno scandalo di corruzione relativo al settore energetico, ma nega di esserne stato coinvolto.

Anche Lowassa faceva parte dello schieramento politico al governo in Tanzania, Chama Cha Mapinduzi (Ccm), ma per queste elezioni il comitato centrale del partito lo ha eliminato dalla lista dei candidati alla presidenza del Paese.

Per questo motivo, Lowassa ha deciso di abbandonare lo schieramento politico del governo ed è stato designato come il candidato di una coalizione formata da quattro partiti d’opposizione, Ukawa.

Lowassa vuole portare il Paese a essere autonomo e indipendente. “Dobbiamo smetterla di essere una nazione di mendicanti”.

Finora, l’affluenza alle urne è stata elevata. Le strade di Dar es Salaam, la più grande città della Tanzania, solitamente deserte, si sono riempite proprio per le elezioni, scrive il reporter della Bbc Tulanana Bohela. 

Il partito al governo in Tanzania, Chama Cha Mapinduzi (Ccm), è stato fondato nel 1977 dall’unione di due partiti post-coloniali  e dal 1961 è sempre stato al potere. 

Nel 1964 la Tanzania ha ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito, ha 51 milioni di abitanti, di cui oltre il 50 per cento sotto i 24 anni, e si trova in Africa orientale. Confina con Kenya e Mozambico. La capitale è Dodoma. L’età media è di 17,5 anni.

Anche l’arcipelago di Zanzibar, una regione semiautonoma della Tanzania, vota per un proprio governatore e i leader locali. Si sono registrati scontri nell’isola.

(Una mappa della Tanzania. Credit: Bbc) 


Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus