Me
Cosa è successo il 20 ottobre nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo il 20 ottobre nel mondo

Le notizie senza giri di parole su TPI

20 Ott. 2015

L’associazione italiana Incontro di civiltà, guidata da Francesco Rutelli, ha proposto di utilizzare una stampante 3D per ricostruire i monumenti distrutti dall’Isis in Siria e Iraq.

– Un piccolo ristorante nella città israeliana di Kfar Vitkin offre uno sconto del 50 per cento agli arabi e agli ebrei che mangiano allo stesso tavolo.

– In collaborazione con la compagnia francese Eutelsat, Facebook ha intenzione di portare internet nell’Africa subsahariana entro il 2016, tramite il lancio di un satellite in orbita. 

– Marine Le Pen, presidente del partito nazionalista di destra francese Fronte Nazionale, è comparsa in tribunale in Francia per rispondere alle accuse di incitamento all’odio razziale. L’evento risale al 2010, quando in un discorso aveva paragonato i musulmani che pregavano per strada all’occupazione nazista.

– Il numero di migranti che è arrivato in Grecia nel 2015 ha superato il mezzo milione, secondo quanto dichiarato dalle Nazioni Unite. Sono circa 8mila le persone che raggiungono l’Europa ogni giorno. 

– Un tribunale indiano ha dichiarato che un autista del sito Uber è colpevole dello stupro di una passeggera avvenuto lo scorso anno a Nuova Delhi, in India

– Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha chiesto un intervento risolutivo per porre fine alla violenza tra israeliani e palestinesi, che sta creando forti tensioni in Terra santa da oltre un mese. 

– Almeno 45 persone sono morte a causa di raid aerei russi nella zona sotto il controllo degli oppositori del presidente siriano Bashar al-Assad, nel nordovest della Siria, secondo l’Osservatorio per i diritti umani siriano.

Stati Uniti e Russia hanno firmato un accordo per evitare di scontrarsi nello spazio aereo siriano.

– L’Esercito siriano libero, che si oppone al governo di Bashar al-Assad in Siria, ha annunciato di aver ricevuto nuove armi e munizioni dagli Stati Uniti, forse come risposta ai raid aerei russi che hanno come obiettivo postazioni strategiche dell’Isis e che invece hanno colpito i ribelli siriani.

– È la prima volta in nove anni che un partito liberale vince le elezioni in Canada. Justin Trudeau è diventato il nuovo primo ministro del Paese con il 39,5 per cento dei voti. Qui c’è il programma del neo-premier, molto progressista.

– Sale a 28 il numero dei morti causati dal tifone Koppu, che da domenica 18 ottobre colpisce il nord delle Filippine. Gli sfollati sono oltre 65mila e una decina i dispersi. 

– L’atleta paralimpico sudafricano Oscar Pistorius, che un anno fa era stato condannato a 5 anni di reclusione per l’omicidio dell’ex fidanzata, è riuscito a ottenere gli arresti domiciliari.

Italia, Germania e Turchia manterranno le proprie truppe in Afghanistan al fianco di quelle statunitensi per tutta la durata del 2016, secondo quanto riferito da alti esponenti della Nato. 

Segui TPI su Twitter (@tpi)   

Iscriviti alla newsletter 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus