Me
Una donna britannica trovata impiccata all’aeroporto di Istanbul
Condividi su:

Una donna britannica trovata impiccata all’aeroporto di Istanbul

La giornalista Jacqueline Sutton, 50 anni, stava facendo scalo a Istanbul per raggiungere la città irachena di Erbil, dove era diretta per lavoro

19 Ott. 2015

Una donna britannica di 50 anni è stata trovata impiccata nei bagni dell’aeroporto internazionale di Ataturk, a Istanbul, in Turchia. Aveva lavorato per la Bbc per diversi anni e collaborava con le Nazioni Unite.

Jacqueline Sutton aveva fatto scalo a Istanbul per raggiungere la città irachena di Erbil, in Iraq, dove era diretta per lavoro. Secondo quanto riportato da alcuni media locali, la donna avrebbe perso la coincidenza.

Le circostanze dell’accaduto non sono ancora chiare e i colleghi della donna hanno chiesto l’avvio di un’investigazione internazionale. 

Sutton parlava cinque lingue, tra cui l’arabo. Da luglio lavorava a Erbil, dopo 12 anni di studi in Afghanistan e Iraq, dove collaborava con i media locali.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus